RSS

Master Translator: Exercise 0

09 Nov

present tense interrogatives
(vedi articolo)

Master Translator• elementary

  1. Che cosa significano questi strani simboli? (usa il verbo “to mean”)
  2. Quanto costano questi vecchi libri e riviste? (usa il verbo “to cost”)
  3. Che cosa stanno facendo tutte quelle persone in quella stanza? (usa il verbo “to do”)
  • Se vuoi un riscontro diretto, lascia le tue versioni nei commenti.
  • Altrimenti aspetta che pubblico le mie versioni tra qualche giorno.
  • Non guardare i commenti degli altri se non vuoi farti influenzare.

BUON LAVORO!


Creative Commons ~ some rights reserved

 
16 commenti

Pubblicato da su 9 novembre 2011 in master translator

 

Tag: , , , , ,

16 risposte a “Master Translator: Exercise 0

  1. Sebastiano

    31 ottobre 2013 at 14:11

    What do these strange symbols mean?
    How much do these old books and magazines cost?
    What are all those people in that room doing?

     
    • Tony Lawson

      31 ottobre 2013 at 15:10

      Excellent Sebastiano! Perfect translations. Well done.

       
  2. Tony Lawson

    10 novembre 2011 at 15:29

    Okay, here are my versions of the three sentences:

    1) What do these strange symbols mean?
    2) How much do these old books and magazines cost?
    3) a: What are all those people in that room doing? b: What are all those people doing in that room?
    La differenza tra le due versioni per la domanda 3 sta nel capire se vogliamo chiedere semplicemente cosa fanno (a) o cosa fanno IN QUELLA STANZA (b).

    Alcuni di voi hanno fatto benissimo, altri hanno avuto il solito problema con la struttura della frase interrogativa.

    Dovete ricordare che, a prescindere di quanto possa essere lungo e articolato il soggetto della domanda, esso deve stare SEMPRE tra l’ausiliare a il verbo principale: SEMPRE! (e va bene poi parleremo dei pochissimi casi quando questo NON avviene 😉 )

    Due sono le possibili strutture:

    1) Domanda “aperta” (chiede informazione attraverso un pronome interrogativo)

    pronome Interrogativo + ausiliare + soggetto + verbo principale → es: Where + do + you + live? I live in Catania.

    2) Domanda “chiusa” (chiede ‘conferma’ sotto forma di un semplice ‘si’ o ‘no’).

    ausiliare + soggetto + verbo principale → es: Do + you + work? Yes, I do / No, I don’t

     
  3. Vincenzo de Geronimo

    10 novembre 2011 at 09:34

    Frase 1:
    What mean this stranges symbols?

    Frase 2:
    How many cost this old bookshop and magazine?

    Frase 3
    What’s doin those people in those room?

     
  4. Pierfrancesco

    9 novembre 2011 at 13:15

    How much do these old books and magazines cost?

    Avevo dimenticato “old”.

     
  5. Fabio Napodano

    9 novembre 2011 at 12:11

    ..ecco, per paura di trovare già la soluzione nei commenti, non li avevo letti.. be’, almeno ho scoperto di aver tradotto bene!

     
  6. Fabio Napodano

    9 novembre 2011 at 12:07

    Che cosa significano questi strani simboli? (usate il verbo “to mean”)

    What do these strange symbols mean?

    Quanto costano questi vecchi libri e riviste? (usate il verbo “to cost”)

    How much do these old books and magazines cost?

    Che cosa stanno facendo tutte quelle persone in quella stanza? (usate il verbo “to do”)

    What are all those people doing in that room?

     
  7. lucilla71ucilla

    9 novembre 2011 at 12:06

    what do these singular symbols mean?
    how much do these books and magazines cost?
    what are all those people doing in that room?

     
  8. concetto

    9 novembre 2011 at 12:00

    assolutamente no sono tutti miei errori sarei sciocco tradurre dal pc non avrebbe senso! avevo diverse opzioni (sinonimi) la poco esperienza ha fatto il resto.

     
    • Tony Lawson

      9 novembre 2011 at 12:25

      Scusami Concetto, non intendevo “traduzione simultaneo” di tutta la frase: mi sono espresso male. Intendevo cercare vocaboli singoli il che è perfettamente legittimo in questo contesto. Il problema è che quando si cerca un vocabolo, spesso vengono fuori più di uno e non è sempre facile scegliere quello più usato in un dato contesto.

       
      • concetto

        9 novembre 2011 at 12:56

        don’t worry putroppo ho avuto troppo fretta nel tradurre quasi come se stessi parlando e poi come dice lei “Practice makes perfect” 🙂 sempre grazie per il tempo dedicadoci!!!!!!

         
  9. Pierfrancesco

    9 novembre 2011 at 11:41

    What do these weird symbols mean?
    How much do these books and magazines cost?
    What are all those people doing in that room?

     
  10. Tony Lawson

    9 novembre 2011 at 11:24

    “eerie denotations” è fantastico: traduzione simultanea dritta dal PC immagino, vero? Meglio “strange symbols” 😉
    Per il resto c’è da rivedere un pò di cose…

     
  11. concetto

    9 novembre 2011 at 11:18

    what do they mean these eerie denotations ?

    how much do they cost these books and mags ?

    What do all those persons do in that room?

     

Partecipa anche tu!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: