RSS

I’ve been waiting for you…

Present Perfect Continuous

Come e quando si usa il present perfect continuous in inglese? Bene, bisogna premettere che l’argomento è particolarmente insidioso e prima di affrontarlo consiglierei a tutti coloro che non hanno già una discreta familiarità con la duration form in inglese di leggere prima l’articolo QUI. Già il fatto che il present perfect continuous non esiste nella lingua italiana è indicativo della difficoltà che ci troviamo davanti, ma non ci lasciamo scoraggiare. Prima di tutto vediamo brevemente come si forma:

HAS/HAVE + BEEN + GERUNDIO
“I have been waiting for you.”

È un tempo che viene usato esclusivamente per descrivere un’azione che ha avuto inizio nel passato e che continua nel presente o che è appena finita. In ogni caso il suo rapporto con il presente è intrinseco in quanto esprime sempre – in modo esplicito o in modo implicito – l’idea di finora oppure quella di recentemente. Come tutti i tempi continuous, l’enfasi è fortemente sullo svolgersi dell’azione nel tempo, sottolineando il modo in cui è stato impiegato un trancio di tempo antistante ma connesso al presente. Quando si vuole indicare la durata dell’azione si fa con l’aggiunta di un avverbio di tempo introdotto o con for o con since (per l’uso di for e since nella duration form vedi QUI). Vediamo per prima cosa alcuni esempi tipici con la forma affermativa della duration form, tenendo presente sempre che quando si tratta di questa forma, l’equivalente in italiano è un semplice tempo presente:

  • It has been raining for three hours.
  • Piove da tre ore.
  • Jane has been working since 8.00 o’clock this morning.
  • Jane lavora dalle 8.00 di stamattina.
  • Tom has been writing books since he retired to the country.
  • Tom scrive libri da quando si è ritirato in campagna.

Continua a leggere…

 
3 commenti

Pubblicato da su 24 maggio 2017 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , ,

A mouse in the house

mouse-house

[per sapere il significato delle parole evidenziate,
passaci sopra con il mouse senza cliccare]

 

A mouse really wanted to come out from his hole in the wall behind the fridge in the kitchen but he was very, very afraid of the cat. So he put his ear to the wall and listened carefully.
First he heard the sound of paws on the kitchen floor and then a loud bark.
“Excellent,” said the mouse to himself. “It’s only that stupid old dog! Let’s go!”
And the mouse came out from behind the fridge.
In an instant the cat trapped him with his paws and whispered sardonically in his ear:
“Now can you see how important it is to learn a foreign language?”

image


Creative Commons ~ some rights reserved

 
2 commenti

Pubblicato da su 16 maggio 2017 in funny stories, Humour inglese, Inglese in azione, read

 

Tag: , ,

Everything changes, nothing stays the same


Creative Commons ~ some rights reserved

 
8 commenti

Pubblicato da su 10 maggio 2017 in funny pictures, Humour inglese

 

Tag: ,

Rebus 6

frayed-knot

[per sapere il significato delle parole evidenziate,
passaci sopra con il mouse senza cliccare]

 

One day a string walked into a bar and asked the bartender for a Gin and Tonic. The bartender looked at him with a scornful eye and said, “We don’t serve strings here.”
Humiliated, the string left the bar and walked into another one.
“Could I have a Gin and Tonic, please,” he asked respectfully.
“You must be joking, we don’t serve strings in this bar,” replied the bartender with a sardonic chuckle.
The string tried another couple of bars but it was always the same story.
Feeling somewhat humiliated but determined to find a solution to his problem, the string ruffled his hair, tied himself up, and walked back into the first bar.
The bartender looked across the bar at him and asked, “Aren’t you that string that was in here just a few minutes ago?”
“Who me?” replied the string, pretending to be surprised. “I’m afraid not.”

[SOLUZIONE]

image


Creative Commons ~ some rights reserved

 
 

Tag: , , , ,

I could do with a cuddle

Avrei bisogno di un tenero abbraccio!

Una volta a proprio agio (più o meno) con l’inglese parlato di ogni giorno, è naturale cominciare a cercare modi un po’ meno scolastici di esprimersi. “Could do with” è une di quelle espressioni che sono facili da imparare e che possono tornare utili in svariate occasioni. Si tratta di un sinonimo di “need” – avere bisogno di – ma è più complice, rigorosamente condizionale, e spesso viene enfatizzato con l’inserimento di “really”. Dunque, visto che non c’è praticamente niente da imparare, essendo essenzialmente una “frase fatta”, vediamo direttamente alcuni esempi tipici:

  • After all that digging I could really do with a drink.
  • Dopo tutto questo scavare avrei davvero bisogno di qualcosa da bere.
  • The house is in good condition but the walls could do with a coat of paint.
  • La casa è in buone condizioni ma le pareti avrebbero bisogno di una mano di pittura.
  • What we could really do with now is a cheap hotel for the night.
  • Ciò che ci servirebbe veramente addeso è un albergo economico per la notte.
  • Your work jacket could do with a wash.
  • Il tuo giubbotto da lavoro avrebbe bisogno di una lavata.
  • Are you free this weekend? I could really do with some help.
  • Sei libero questo fine settimana? Avrei davvero bisogno di un po’ di aiuto.
  • This computer could do with some more memory.
  • A questo computer servirebbe un altro po’ di memoria.

Creative Commons ~ some rights reserved

 
6 commenti

Pubblicato da su 26 aprile 2017 in Appunti grammaticali, functions, idioms, Inglese in azione

 

Tag: , ,

Quiz Time 2

 

 
19 commenti

Pubblicato da su 19 aprile 2017 in Palestra, quiz time, use of verbs, Verbi

 

Tag: ,

Nobody did it

anybody

[per sapere il significato delle parole evidenziate,
passaci sopra con il mouse senza cliccare]

 

This is a little story about four typically English characters called Everybody, Somebody, Anybody, and Nobody. There was an important job to do and Everybody thought that Somebody would do it. Anybody could have done it but in the end Nobody did it. Somebody, of course, got angry about this because he felt that Everybody should have done it. Everybody insisted that Anybody could have done it, but Nobody realised that it was Everybody’s job. In the end Everybody blamed Somebody because Nobody had done what Anybody could have done.

image


Creative Commons ~ some rights reserved

 
5 commenti

Pubblicato da su 13 aprile 2017 in funny stories, Humour inglese, Inglese in azione, read

 

Tag: , , , , ,

Performance

 


Creative Commons ~ some rights reserved

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 9 aprile 2017 in Piccoli appunti, Pronuncia, twitstop, word stress

 

Tag: , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: