RSS

Archivi categoria: adverbs

Some words can be quite tricky

quite

quite = abbastanza / piuttosto / discretamente / sufficientemente / proprio

Senza dubbio è la traduzione più consueta – abbastanza – che trae facilmente in errore quando si ha a che fare con l’avverbio quite in inglese. Il problema nasce dal fatto che abbastanza esprime due concetti diversi e, anche se la differenza tra questi due concetti spesso risulta trascurabile in italiano, in inglese si usano due termini ben diversi:

  • abbastanza (piuttosto) = quite (semplice valutazione di misura)
  • abbastanza (sufficientemente) = enough (valutazione di misura relativa a qualcosa)

Quindi, prima di tradurre dall’italiano all’inglese bisogna soffermarsi e riflettere un attimo se il senso è piuttosto oppure sufficientemente.

  • La macchina di Bob è abbastanza (piuttosto) grande.
    • Bob’s car is quite big.
  • La macchina di Bob è abbastanza grande per tutti noi.
    • Bob’s care is big enough for all of us.
  • Il fratello di Jane è abbastanza (piuttosto) forte.
    • Jane’s brother is quite strong.
  • Il fratello di Jane è abbastanza forte per proteggerla.
    • Jane’s brother is strong enough to protect her.
  • Tom è abbastanza (piuttosto) grande (di età).
    • Tom is quite old.
  • Tom è abbastanza grande per guidare la macchina.
    • Tom is old enough to drive a car.

Continua a leggere…

 
4 commenti

Pubblicato da su 2 dicembre 2016 in adverbs, Appunti grammaticali, Lessico, words-in-action

 

Tag: , , ,

Immagine

Immediately

immediately

 


Creative Commons ~ some rights reserved

 
 

Tag: , , , , ,

I can always make you smile.

i_can_always_make_you_smile

Always, nearly always, usually, often, sometimes, occasionally, hardly ever, never.

Sono tutti avverbi di frequenza e vengono molto sfruttati in inglese (come pure in italiano) per comunicare, in modo più o meno preciso anche se non matematico, la frequenza con la quale una certa azione viene ripetuta nel tempo. Essendo molto sfrutatti, è piutttosto importante saperli usare nella costruzione della frase in modo rapido e disinvolto, e la regola d’oro in questo caso riguarda il loro posizionamento all’interno della frase: subito prima del verbo principale. Non è una regola fissa in quanto ci sono delle eccezioni (usually e sometimes si possono trovare anche all’inizio della frase per esempio e sometimes anche alla fine), ma è una regola che permette allo studente di non sbagliare mai e forse inizialmente conviene applicarlo sempre. L’unica vera eccezione a questa regola è il verbo essere il quale, quando funge da verbo principale e non come ausiliare, viene seguito dall’avverbio di frequenza.

La lista fornita qui non vuole essere esauriente ma copre bene tutta la gamma (da 100% a 0%) con gli avverbi probabilmente più gettonati in inglese. Vediamo, quindi, il significato, la pronuncia e la percentuale di frequenza (orientativa ovviamente) di ognuno:

  • 100%
    alwaysɔːlweɪzsempre
  • 95%
    nearly alwaysnɪəli ɔːlweɪzquasi sempre
  • 85%
    usuallyjuːʒəlidi solito
  • 65%
    oftenɒfnspesso
  • 35%
    sometimessʌmtaɪmza volte, ogni tanto
  • 15%
    occasionallyəkeɪʒənəli occasionalmente
  • 5%
    hardly everhɑːdli evəquasi mai
  • 0%
    nevernevənon mai

Continua a leggere…

 
3 commenti

Pubblicato da su 14 settembre 2015 in adverbs, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , , , , , , , , ,

Anymore / No longer

no-longer

“Non so come dirvi questo ma… non avete più un criceto.”

Anymore e no longer sono due modi avverbiali per dire non più in inglese. Entrambe le forme vanno bene ma attenzione a come si usano. Come già spiegato in un altro articolo riguardo some, any e no, bisogna tenere presente che anymore è un avverbio neutro (si basa su any) che per diventare negativo ha bisogno di un verbo nella forma negativa, mentre no longer è un avverbio già negativo (si basa su no) che ha bisogno di un verbo nella forma affermativa (per non cadere nell’errore dei due negativi che si affermano). Inoltre, anymore si trova alla fine della frase mentre no longer si trova prima del verbo principale (ma dopo il verbo to be). Mettiamo in contrasto alcuni esempi per capire come si manifestano queste differenze in termini pratici:

  • Alice doesn’t live here anymore.
  • Alice no longer lives here.

Alice non abita più qui.

  • I can’t help you anymore.
  • I can no longer help you.

Non ti posso aiutare più.

  • This word isn’t used anymore.
  • This word is no longer used.

Non si usa più questa parola.

  • We don’t need your services anymore.
  • We no longer need your services.

Non abbiamo più bisogno dei tuoi servizi.

  • Bob doesn’t play rugby anymore.
  • Bob no longer plays rugby.

Bob non gioca più a rugby.

  • Online help isn’t available anymore
  • Online help is no longer available.

L’assistenza online non è più disponibile.


Creative Commons ~ some rights reserved

 
2 commenti

Pubblicato da su 3 maggio 2015 in adverbs, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , ,

Immagine

Last night / yesterday evening

last night


Creative Commons ~ some rights reserved

 

Tag: , , , , , ,

Working hard or hardly working?

working-hard-hardly-working-image

Hardly ~ ˈhɑːdli

Avverbio ~ appena, a malapena, a stento, quasi (per) niente

In modo scherzoso e con un gioco di parole tipicamente inglese, la domanda del titolo chiede se stai lavorando intensamente o se stai stentando a lavorare.

Anche se ha la stessa radice dell’aggettivo hard {duro, difficile, impegnativo}, l’avverbio hardly ha preso un’altra strada nei secoli e oggi viene utilizzato in diversi modi, utili ed interessanti, anche se in certi casi l’idea originale della difficoltà rimane nel senso finale.

L’avverbio hard invece viene usato regolarmente, come l’aggettivo, per dire duramente, intensamente:

  • Bob always works hard.
  • Bob lavora sempre intensamente.

Una cosa importante da ricordare con l’avverbio hardly è che non esprime un concetto di per sé negativo, ma un concetto positivo ma ridotto all’assoluto minimo, tanto da sembrare a volte quasi negativo. Capita spesso che l’equivalente in italiano fa uso del verbo al negativo ma questo non avviene MAI in inglese! Infatti, vedrai che tutti gli esempi qui sotto sono affermativi (anche la forma interrogativa è rara se non assente).

N.B. Hardly, nel senso antico di severamente o duramente (e quindi più vicino al significato originale di hard), è praticamente in disuso ormai e viene sostituito di solito con l’avverbio harshly.
Continua a leggere…

 
2 commenti

Pubblicato da su 15 marzo 2014 in adverbs, Appunti grammaticali

 

Tag: , , ,

Have you had enough?

enough

Un piccolo appunto sull’utilizzo di enough

pronuncia approsimativa: ináf, con l’accento sulla ‘a’ (una ‘a’ molto chiusa)

Bisogna ricordare sempre che enough si posiziona subito prima di un sostantivo, come in italiano, ma, a differenza dell’italiano, si posiziona subito dopo un aggettivo, un avverbio o un verbo.

È un campo dove si sbaglia molto spesso!


SOSTANTIVO:

  • Are there enough chairs for everybody?
  • Ci sono abbastanza sedie per tutti?
  • Have you got enough wine for the guests?
  • Hai abbastanza vino per gli ospiti?
  • There isn’t enough time to visit the museum.
  • Non c’è abbastanza tempo per visitare il museo.

AGGETTIVO:

  • This box isn’t strong enough for all these magazines.
  • Questa scatola non è abbastanza forte per tutte queste riviste.
  • Her car isn’t big enough for six people.
  • La sua macchina non è abbastanza grande per sei persone.
  • The sea isn’t warm enough to swim yet.
  • Il mare non è abbastanza calda ancora per nuotare.

Continua a leggere…

 
9 commenti

Pubblicato da su 4 novembre 2011 in adjectives, adverbs, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , ,

Is it Friday yet?

Is it Friday Yet 2

Diamo un’occhiata a tre avverbi che sono spesso causa di errori:

STILL  ~  YET  ~  ALREADY

 Pur avendo ognuno di questi tre avverbi un suo ruolo preciso,
ci sono delle zone di sovrapposizione tra loro che possono creare una certa confusione.

Vediamoli singolarmente.


STILL

Significa ancora oppure tuttora (a volte si traduce con lo stesso) e viene utilizzato per parlare del permanere di uno stato o la continuazione di un’azione. È utile pensarlo con l’idea di “continuare a…” (forse non quando si traduce con lo stesso però). Spesso viene insegnato solo nelle forme affermative e interrogative ma la forma negativa è ugualmente importante anche se meno utilizzata.

Farò diversi esempi per cercare di far vedere le varie sfumature possibili.

Affermativa (la posizione è prima del verbo principale ma dopo il verbo essere)

  • I’m still hungry.
  • Ho ancora fame (continuo ad avere fame).
  • He still loves her.
  • La ama ancora (continua ad amarla).
  • Bob is still working in Saudi Arabia.
  • Bob lavora ancora nell’Arabia Saudita (Bob continua a lavorare).
  • It was still raining when we woke up.
  • Pioveva ancora quando ci siamo svegliati (continuava a piovere).
  • He was tired but he still listened carefully.
  • Era stanco ma ascoltò attentamente lo stesso.
  • It’s expensive but I’m still going to buy it.
  • È caro ma lo comprerò lo stesso.

Continua a leggere…

 
13 commenti

Pubblicato da su 14 ottobre 2011 in adverbs, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: