RSS

Archivi categoria: prepositions

Until the end of the world

until

until = fino a, finché non

Until è una preposizione/congiunzione utilissima la quale, però, non si comporta sempre come la sua controparte in italiano. Viene usato in inglese esclusivamente per indicare un punto nel tempo: un tempo definito da un orario, un giorno, una data ecc (preposizione) o da un’azione (congiunzione). Non viene usato per indicare né distanzaquantità e richiede il verbo affermativo anche quando si usa per tradurre finché non. Vediamo con degli esempi pratici quali sono esattamente le sue possibilità.

[ricorda che until si scrive con una sola ‘l’,
mentre la forma abbreviata
till si scrive con due ‘l’]

Come preposizione:

  •  We waited until midday and then we left.
  • Abbiamo aspettato fino a mezzogiorno e poi ce ne siamo andati.
  • You can keep it until the end of the week.
  • Puoi tenerlo fino alla fine della settimana.
  • Jane’s going to stay here until Sunday.
  • Jane rimarrà qui fino a domenica.
  • Bob works as a lifeguard every summer from the 1st June until the 15th September.
  • Bob lavora come bagnino ogni estate dal 1 giugno fino al 15 settembre.
  • The children can play in the park until dinnertime.
  • I ragazzi possono giocare nel parco fino all’ora di cena.

Continua a leggere…

 
2 commenti

Pubblicato da su 20 agosto 2016 in Appunti grammaticali, prepositions

 

Tag: , , , ,

Immagine

What’s on?

whats-on

 

Tag: , , ,

Immagine

Alright with

alright

 


Creative Commons ~ some rights reserved

 

Tag: , , , ,

Immagine

Look, listen, wait, play

look-listen-wait-play

 


Creative Commons ~ some rights reserved

 
2 commenti

Pubblicato da su 19 novembre 2015 in Piccoli appunti, prepositions, twitstop, use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , ,

As you like it

as-like

La congiunzione AS e la preposizione LIKE

Okay, confesso che il titolo potrebbe essere leggermente fuorviante in quanto questo articolo non punta l’occhio sul verbo to like ma sulla preposizione like, però quel as che si trova all’inzio della nota opera di William Shakespeare è perfettamente in tema e non ho potuto resistere. Esaminiamo, dunque, queste due paroline tanto utili quanto confondibili tra di loro.

Partiamo dal fatto che sia as che like possono essere usati in inglese con il significato di come ed è chiaramente qui dove può nascere qualche perplessità. Probabilmente anche il semplice fatto grammaticale che as è una congiunzione e like è una preposizione non torna molto utile nel momento in cui si deve tirare fuori dal cilindro linguistico una frase corretta. Persino gli inglesi fanno confusione e sbagliano spessissimo! Qualcuno di questi sbagli è entrato addirittura nella lingua parlata comune anche se non sarebbe consigliato in un testo scritto formale. Allora, come si fa a creare un rapido mezzo di distinzione? In effetti un modo sbrigativo, anche se non onnicomprensivo, c’è ed è anche abbastanza facile:

  • AS (congiunzione) ~ viene seguito da un’intera proposizione compreso il verbo
  • LIKE (preposizione) ~ viene seguito solo da un nome o da un pronome senza il verbo

Tra le due, like è sicuramente quella più gettonata nella lingua comune (anche in frasi dove tecnicamente non ci sta), mentre l’uso di as viene visto spesso come un modo di esprimersi un po’ troppo retorico.


Continua a leggere…

 
2 commenti

Pubblicato da su 5 agosto 2015 in Appunti grammaticali, prepositions, syntax

 

Tag: , , , ,

Into the woods…

3033_into_the_woods

 Prepositions: in vs. into

A volte mi viene chiesto qual’è la differenza tra la preposizione in e la preposizione into. Forse noi di madrelingua diamo un po’ per scontato questa differenza e quindi cercherò qui di colmare questa eventuale lacuna.

La preposizione into, come si può facilmente evincere, è una preposizione composta di in e to: due preposizioni con ruoli ben diversi quando vengono usate singolarmente.

  • in (statico) ~ in, a (dentro, all interno di)
  • to (dinamico) ~ a (verso, nella direzione di)

In indica la posizione di qualcuno o qualcosa dentro / all’interno di un’area circoscritta:

  • The children are in the garden.
  • I ragazzi sono nel giardino.
  • The cutlery is in the top drawer.
  • Le posate sono nella prima casetta.
  • Bob lives in Exeter.
  • Bob abita a Exeter.

To indica il movimento di qualcuno o qualcosa verso / nella direzione di una nuova ubicazione:

  • Bob has gone to London for the day.
  • Bob è andato a Londra per il giorno.
  • Tom took his brother to the stadium last Saturday.
  • Tom ha accompagnato suo fratello allo stadio sabato scorso.
  • Jane gave the keys to Bob.
  • Jane ha dato le chiavi a Bob.

Continua a leggere…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 giugno 2015 in Appunti grammaticali, prepositions

 

Tag: , , , , ,

Think about it

think_about_it1

Come preposizione about è forse meglio conosciuta con il suo significato più comune di circa, approssimativamente, grossomodo, più o meno, all’incirca. Usato in questo modo viene abbinata principalmente a numeri e orari.

  • There were about 5000 people at the concert.
  • C’erano circa 5000 persone al concerto.
  • The beach is about 2 kilometres long.
  • La spiaggia è lunga circa 2 kilometri.
  • Bob’s got about 400 records in his collection.
  • Bob ha circa 400 dischi nella sua collezione.
  • The plane finally took off at about 10.30.
  • L’aereo è decollato finalmente alle 10.30 all’incirca.

Ma questa piccola preposizione si abbina anche a svariati verbi inglesi con un significato ben diverso e meglio tradotto con di, a proposito di, riguardo a. In questa veste è forse un po’ meno familiare. I verbi che funzionano meglio con questo uso di about sono quelli che in qualche modo introducono un tema, un argomento, un concetto, un’idea, una proposta, un progetto, una persona, un’organizzazione, una tematica ecc. Qualcuno è di facile interpretazione, altri un po’ meno.

Il primo di questi verbi è il semplice to be, o meglio, to be about. In questo caso si traduce solitamente con verbi come parlare di, trattare di, vertere intorno a, affrontare il tema di, indagare il tema di ecc. Vediamo subito degli esempi pratici.


To be about = riguardare, trattare (si può usare anche “to talk about” e in italiano spesso si traduce infatti con ‘parlare di’)

  • The book is about a castaway on a desert island.
  • Il libro parla di un naufrago su un’isola deserta.
  • The film is about the psychological problems of a Vietnam war veteran.
  • Il film tratta dei problemi psicologici di un veterano della guerra del Vietnam
  • What’s your thesis about?
  • Quale è l’argomento della tua tesi? (Cosa riguarda la tua tesi?)
  • What was the conference about?
  • Quale tema affrontava la conferenza?

Esiste anche qualche espressione idiomatica con ‘to be about’:

  • What’s all the noise about?
  • Perché tutto questo chiasso?
  • What was all the fighting about?
  • Perché si davano botte?

Continua a leggere…

 
 

Tag: , ,

Prepositions unplugged: at / in

at

La differenza in inglese tra at e in.

Abbiamo parlato già di preposizioni e continueremo a parlarne essendo un oggetto di studio piuttosto ostico. Questa volta diamo un’occhiata non tanto al problema della non corrispondenza tra l’inglese e l’italiano quanto alla differenza di significato (e quindi di uso) tra diverse coppie di preposizioni comuni. Ricorda sempre che qualsiasi spiegazione dell’uso delle preposizioni in inglese va visto come un orientamento e non come regole ferree: le eccezioni sono sempre in agguato!

at / in

In inglese le preposizioni at e in hanno così tanti impieghi e usi idiomatici che sarebbe una pazzia cercare di affrontare tutto in un unico articolo. Di conseguenza questo articolo si concentra su uno dei loro usi più comune e più importante come preposizioni di stato in luogo. In questo caso la differenza fondamentale tra le due preposizioni è che laddove at serve per indicare il luogo in questione come un singolo punto preciso di riferimento, in serve per individuare il luogo come un’area circoscritta, aperta o chiusa, indicando ciò che ci sta o ciò che accade dentro quell’area (dentro è la parola chiave per l’uso di in). Quando questa differenza è poco rilevante la tendenza è quella di usare at come preposizione standard per stato in luogo. Accade a volte però che entrambi le preposizioni sono possibili e in più la scelta di quale usare può anche essere persino soggettiva. Ma non corriamo prima di saper camminare e, prima di tutto, vediamo alcuni esempi dove la scelta è scontata in quanto solo una delle due preposizioni può funzionare:

  • Bob is waiting at the bus-stop.
  • Bob sta aspettando alla fermata dell’autobus.

Impossibile per Bob essere dentro la fermata dell’autobus.

  • Jane is sleeping in the garden.
  • Jane sta dormendo in giardino.

Il giardino viene visto come un’area circoscritta, in questo caso aperta, e Jane sta dormendo dentro quest’area.
Continua a leggere…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 19 gennaio 2015 in Appunti grammaticali, prepositions

 

Tag: , , , ,

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: