Picture description

Spesso capita che ci troviamo a volere o a dovere descrivere il contenuto di un quadro, una foto, un’immagine qualsiasi. In questo caso è fondamentale sapere indicare a quale parte dell’immagine ti riferisci. L’immagine in alto illustra le espressioni più tipiche che vengono utilizzate per dare queste indicazioni e per portare avanti questo tipo di descrizione.

Vediamo dal punto di vista sintattico le tre formule più tipiche che vengono utilizzate.


  • In the top left-hand corner (of the picture)…
    …a polar bear is eating a fish.
    …there is a polar bear (that is) eating a fish.
    …we can see a polar bear (that is) eating a fish.

Nell’angolo in alta a sinistra un orso polare sta mangiando un pesce.

  • In the bottom left-hand corner (of the picture)…
    …two lions are hoping for a tasty meal.
    …there are two lions (that are) hoping for a tasty meal.
    …we can see two lions (that are) hoping for a tasty meal.

Nell’angolo in basso a sinistra due leoni stanno sperando in un pasto saporito.

  • In the foreground (of the picture)…
    …a boy is frightening a girl with a toy snake.
    …there is a boy (who is) frightening a girl with a toy snake.
    …we can see a boy (who is) frightening a girl with a toy snake.

Nel primo piano un ragazzo sta spaventando una ragazza con un serpente giocattolo.

  • In the middle (of the picture)…
    …a park attendant is feeding a seal.
    …there is a park attendant (who is) feeding a seal.
    …we can see a park attendant (who is) feeding a seal.

Al centro un assistente del parco sta dando da mangiare ad una foca.

  • In the background (of the picture)…
    …some snakes are escaping from the reptile house.
    …there are some snakes (that are) escaping from the reptile house.
    …we can see some snakes (that are) escaping from the reptile house.

Nello sfondo alcuni serpenti stanno scappando dalla casa dei rettili.

  • On the right-hand side (of the picture)…
    …some monkeys are playing on an island.
    …there are some monkeys (that are) playing on an island.
    …we can see some monkeys (that are) playing on an island.

Nella parte a destra alcune scimmie stanno giocando su un’isola.

N.B. Chiaramente queste espressioni sono solamente delle indicazioni orientative e alcune si sovvrappongono in parte tra di loro. La scelta dell’espressione più adatta dipenderà sempre dalla composizione dell’immagine e da quanto si vuole essere precisi con la propria descrizione.


L’immagine è scaricabile in formato pdf QUI.


I told you it was easy

~ Indirect speech / Discorso indiretto ~
Le regole di base

Riportare quanto detto da un’altra persona, di solito ad una certa distanza di tempo ed in un luogo diverso, è una cosa che facciamo molto spesso nelle nostre conversazioni. Di conseguenza, prima o poi, bisogna familiarizzare con tutti quei piccoli ma importanti cambiamenti che servono per convertire le parole dette sul momento (discorso diretto) in parole riportate in un secondo momento (discorso indiretto). Questi cambiamenti, non molto diversi da quelli che avvengono in italiano, riguardano principalmente il tempo del verbo, alcuni avverbi di tempo e di luogo e, quando è il caso, anche i pronomi personali.

Per creare delle schede utili, bisogna partire dal presupposto che il discorso indiretto avvenga ad una certa distanza di tempo e in un luogo diverso da quello del discorso diretto. Queste sono le condizioni più tipiche e quelle che richiedono più cambiamenti.


Il tempo del verbo:
Proprio perché è passato del tempo tra il discorso diretto e il discorso indiretto, il tempo del verbo deve fare uno spostamento a ritroso. In inglese questo si chiama backshift. Nella tabella qui sotto ci sono degli esempi di come effettuare questo backshift per tutti i tempi dei verbi. Le frasi sono semplici affermazioni in modo da focalizzare l’attenzione esclusivamente sul cambiamento che viene effettuato al verbo nel passaggio al discorso indiretto. Il that che introduce il discorso indiretto vine omesso spessissimo, sopratutto nel linguaggio informale.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
PRESENT
Present Simple
“I want to leave after lunch.”
Past Simple
He said that he wanted to leave after lunch.
Present Continuous
“I am thinking about your proposal.”
Past Continuous
He said that he was thinking about my proposal.
PAST
Present Perfect
“I have bought a new bicycle.”
Past Perfect
He said that he had bought a new bicycle.
Past Simple
“I found it in the garage.”
Past Perfect
He said that he had found it in the garage.
Present Perfect Continuous
“I have been sleeping badly lately.”
Past Perfect Continuous
He said that he had been sleeping badly lately.
Past continuous
“I was talking to the manager.”
Past Perfect Continuous
He said that he had been talking to the manager.
Past Perfect
“I had drunk too much.”
Past Perfect (nessun cambiamento)
He said that he had drunk too much.
Past Perfect Continuous
“I had been waiting for an hour.”
Past perfect Continuous (nessun cambiamento)
He said that he had been waiting for an hour.
Used to
“I used to live here.”
Used to (nessun cambiamento)
He said that he used to live there.
FUTURE(future-in-the-past)
Present Simple (timetable future)
“My train leaves at 4 o’clock.”
Past Simple
He said that his train left at 4 o’clock.
Present Continuous (diary future)
“I am leaving tomorrow.”
Past Continuous
He said that he was leaving the following day.
Am/are/is going to (intentional future)
“I am going to buy another one.”
Was/were going to
He said that he was going to buy another one.
Future Simple
“I will phone her this evening.”
Present Conditional
He said that he would phone her that evening.
Future Continuous
“I will be working all afternoon.”
Present Continuous Conditional
He said that he would be working all afternoon.
MODAL VERBS
Can (ability, possibility, permission)
“I can do it for you.”
Could
He said that he could do it for me.
May (permission)
“You may leave your bag here.”
Could
He said that I could leave my bag there.
May (possibility)
“It may rain tomorrow.”
Might
He said that it might rain the next day.
Must (obbligo)
“You must pay me before Saturday.”
Had to
He said that I had to pay him before Saturday.
Must (deduzione logica)
“It must be difficult for you.”
Must
He said that it must be difficult for me.
could, should, would,
might, need, ought to
(nessun cambiamento)

N.B. Non è necessario effettuare il backshift se il discorso riportato è ancora vero, ancora rilevante, o non è ancora successo. Questo succede maggiormente con i tempi presenti, il present perfect e il futuro.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
“I really like playing tennis.”He said that he really likes playing tennis.
“I am working every day this week.”He said that he is working every day this week.
“I have already told the others.”He said that he has already told the others.”
“I am going to see them tomorrow.”He said that he is going to see them tomorrow.
“I will fix it on Saturday.”He said that he will fix it on Saturday.

Gli avverbi di tempo:
Il passaggio di tempo tra il discorso diretto e il discorso indiretto ha un effetto anche sui più comuni avverbi di tempo i quali non possono mantenere lo stesso rapporto con il presente che c’è nel discorso diretto. Nella tabella qui sotto ci sono degli esempi di come questi avverbi di tempo cambiano nel passaggio al discorso indiretto.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
Now
“I want to go now.”
Then / at that moment
He said that he wanted to go then / at that moment.
Today
“I am working today.”
That day
He said that he was working that day.
Yesterday
“I saw Bob yesterday.”
The previous day / the day before
He said that he had seen Bob the previous day / the day before.
Last week etc
“I bought it last week.”
The previous week / the week before
He said that he had bought it the previous week / the week before.
Ago
“I met Tom two years ago.”
Before
He said that he had met Tom two years before.
Tomorrow
“I will come back tomorrow.”
The following day / the day after
He said that he would come back the following day / the day after.
Next week etc
“I will do it next week.”
The following week / the week after
He said that he would do it the following week / the week after.

Altri cambiamenti:
Il cambio di luogo tra il discorso diretto e il discorso indiretto ha un effetto anche sull’avverbio di luogo here e sugli aggettivi dimostrativi this e these che non hanno più lo stesso punto di riferimento che avevano nel discorso diretto.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
Here
“I’ll be here at 9.00.”
There
He said that he would be there at 9:00.
This
“I’m going to buy this house.”
The
“He said that he was going to buy the house.”
These
“I like these paintings.”
The
He said that he liked the paintings.”

La forma interrogativa:
Per riportare una domanda in un discorso indiretto bisogna partire dal tipo di domanda che si è posta nel discorso diretto. Le domande si distinguono in due tipi fondamentali: domande “aperte” che cercano informazione (chi, quando, dove, perché ecc) e domande “chiuse” che cercano solamente una conferma, si o no, (senza pronome interrogativo).

Nel primo caso il pronome interrogativo si ripropone nel discorso indiretto ma SENZA fare ricorso alla classica forma interrogativa come si farebbe normalmente per formulare una domanda. La domanda nel discorso indiretto si costruisce come una normale affermazione. Ecco alcuni esempi tipici.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
What
What do you want for lunch?”
What
He asked me what I wanted for lunch.
Where
Where are you taking the kids?”
Where
He asked me where I was taking the kids.
When
When will you know the answer?”
When
He asked me when I would know the answer.
Why
Why are you so tired?”
Why
He asked me why I was so tired.
Who
Who did you see at the party?”
Who
He asked me who I had seen at the party.
How
How do you know Bob?”
How
He asked me how I knew Bob.
Which
Which one do you want?”
Which
He asked me which one I wanted.
How much
How much have you spent?”
How much
He asked me how much I had spent.
How many
How many times have you been here?”
How many
He asked me how many times I had been there.

Nel secondo caso la domanda indiretta viene introdotta da if o whether, più comunemente if. Anche in questo caso la domanda viene espressa come una normale affermazione. Ecco alcuni esempi tipici.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
“Do you like Beethoven?”He asked me if I liked Beethoven.
“Are you feeling better?”He asked me if I was feeling better.
“Have you been here before?”He asked me if I had been there before.
“Did you stay in last night?”He asked me if I had stayed in the night before.
“Are you going to buy it?”He asked me if I was going to buy it.
“Will you help me?”He asked me if I would help him.

La forma imperativa:
L’infinito senza to che si usa per fare la forma imperativa nel discorso diretto diventa un imperativo con to in seguito ai verbi introduttivi come to tell e to order.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
“Go away”He told them to go away.
“Don’t listen to them.” He told us not to listen to them.
“Sit down!”He ordered me to sit down.
“Don’t stop working.”He ordered them not to stop working.

Pronomi personali, aggettivi possessivi ecc:
Questi cambiamenti servono una logica naturale che è uguale in italiano. Vediamo alcuni esempi semplici solamente per evidenziare questo.

DIRECT SPEECHINDIRECT SPEECH
I can’t see you.”He said that he couldn’t see them.
“Give me your bag.” He told her to give him her bag.”
I don’t believe you.”He said that he doesn’t believe me.”
We haven’t got your tickets.”They said that they haven’t got our tickets.

N.B. Pubblicherò un esercizio al più presto!


Would you like a bit more?

a bit = un po’, un pochino, un pizzico, un pezzo, una parte

Forse qualcuno avrà già considerato una possibile connessione tra il sostantivo bit (pezzetto) e il passato del verbo to bite: bit. Bene, c’è. I miei antenati, infatti, usavano la parola bita per indicare un boccone, e quindi un pezzetto, inizialmente di cibo, ma poi di qualunque cosa. Da allora la parola bit(a) si è intrufolata in altri campi grammaticali come partitivo e come avverbio. Di conseguenza, non è sempre intuitivo né l’uso corretto né la comprensione della parola bit. Vediamo allora tutti i modi principali in cui questa piccola parola viene adoperata.


Un piccolo pezzo di qualcosa:

  • There are still some bits of glass on the floor.
  • Ci sono ancora dei pezzi di vetro a terra.
  • Tom used a bit of wood to keep the window open.
  • Tom ha usato un pezzo di legno per tenere aperta la finestra.
  • He threw some bits of toast out of the window for the birds.
  • Buttò dei pezzi di pane tostato dalla finestra per gli uccelli.
  • I need a bit of paper to write the message on.
  • Mi serve un pezzo di carta per scrivere il messaggio.
  • There are some bits missing from this jigsaw puzzle.
  • Mancano dei pezzi di questo puzzle.
  • Why don’t you put a bit of garlic with the chicken?
  • Perché non ci metti un pezzo d’aglio con il pollo?

N.B. In questo caso si può trovare bit anche nella forma plurale.


Una piccola quantità di qualcosa non numerabile ma tangibile:

  • There’s still a bit of tea in the pot.
  • C’è ancora un po’ di tè nella teiera.
  • I think the sauce needs a bit of salt.
  • Credo che il sugo ha bisogno di un po’ di sale.
  • You should put a bit of petrol in the car.
  • Dovresti mettere un po’ di benzina nella macchina.
  • You’ve got a bit of chocolate on your chin.
  • Hai un po’ di cioccolato sul mento.
  • We had a bit of rain yesterday at last.
  • È piovuto un po’ ieri finalmente.
  • You’ve got a bit of spinach stuck in your teeth.
  • Hai un po’ di spinaci incastrati in mezzo ai denti.

Un po’ di qualcosa non numerabile e non tangibile:

  • We had a bit of difficulty trying to leave the country.
  • Abbiamo avuto un po’ di difficoltà cercando di lasciare il paese.
  • The children had a bit of fun by the river.
  • I ragazzi si sono divertiti un po’ al fiume.
  • These tyres need a bit of air.
  • Questi pneumatici hanno bisogno di un po’ d’aria.
  • We’ve still got a bit of time if you want a swim.
  • Abbiamo ancora un po’ di tempo se volete fare un bagno.
  • All he needs is a bit of love.
  • Gli serve solo un po’ d’amore.
  • I’m going to do a bit of gardening this afternoon.
  • Farò un po’ di giardinaggio oggi pomeriggio.

Un po’ di qualcosa numerabile e non tangibile:

(In questi esempi un po’ più particolari a bit of a viene usato per mitigare il sostantivo successivo, quasi sempre un concetto negativo.)

  • The whole organisation was a bit of a farce.
  • Tutta l’organizzazione era un po’ una buffonata.
  • I had a bit of a problem with the neighbour’s dog.
  • Ho avuto qualche problemuccio con il cane del vicino di casa.
  • The helicopter journey was a bit of a nightmare.
  • Il viaggio in elicottero era alquanto spaventoso.
  • Tom’s in a bit of a quandary about where to go.
  • Tom è un po’ indeciso sul dove andare.
  • It was a bit of a pain having to fill in so many forms.
  • È stato piuttosto penoso dover compilare tanti moduli.
  • Bob’s got a bit of a soft spot for Lucy.
  • Bob ha un piccolo debole per Lucy.

Per mitigare un aggettivo:

  • This tea is a bit weak. Who made it?
  • Questo tè è un po’ lento. Chi l’ha fatto?
  • I’m feeling a bit peckish. What’s for lunch?
  • Ho un po’ di fame. Cosa c’è per pranzo?
  • Grandpa’s jacket is a bit too big for me. What a pity.
  • La giacca del nonno mi sta un po’ troppo grande. Che peccato.
  • That was a bit silly of you, wasn’t it?
  • È stato un po’ sciocco da parte tua, non è vero?
  • I thought the film was a bit too long.
  • Secondo me il film era un po’ troppo lungo.
  • Didn’t you find his explanation a bit strange?
  • Non hai trovato la sua spiegazione un po’ strana?

N.B. Questa forma è molto comune ma anche abbastanza informale. Quando serve maggiore formalità è meglio usare slightly (leggermente), rather (piuttosto), oppure somewhat (alquanto).

  • This tea is rather weak.
  • I’m feeling somewhat peckish.
  • Grandpa’s jacket is slightly big for me.

Per mitigare un aggettivo nella forma comparativa:

  • The weather was a bit better than we expected.
  • Il tempo è stato un po’ meglio di come l’aspettavamo.
  • You’ll need something a bit bigger for all those books.
  • Avrai bisogno di qualcosa un po’ più grande per tutti quei libri.
  • Perhaps you’ll be a bit more cautious the next time.
  • Forse sarai un po’ più cauto la prossima volta.
  • White walls would make the room a bit brighter.
  • Muri bianchi renderebbero un po’ più luminosa la stanza.
  • If only she’d been a bit more courageous.
  • Se fosse stata soltanto un po’ più coraggiosa.
  • The last exercise was a bit easier than the other ones.
  • L’ultimo esercizio era un po’ più facile degli altri.

N.B.  Non usare questa forma se c’è anche un sostantivo dopo l’aggettivo:
• I’d like to buy a bit faster car. ❎
• I’d like to buy a slightly faster car. ✅


Una parte di qualcosa:

  • Now we’re coming to the technical bit.
  • Adesso arriviamo alla parte tecnica.
  • I did the last bit on my own.
  • Ho fatto l’ultima parte da solo.
  • This is the most difficult bit of the operation.
  • Questa è la parte più difficile dell’intervento.
  • The best bit is when the train explodes.
  • Il momento migliore è quando il treno esplode.

Una piccola quantità di tempo:

  • I’ll be back in a bit.
  • Sarò di ritorno tra un po’.
  • We had to wait for a bit but it was worth it.
  • Abbiamo dovuto aspettare un po’ ma valeva la pena.
  • Put it back in the oven for a bit.
  • Rimettilo nel forno per un po’.
  • We wandered around for a bit and then had lunch.
  • Abbiamo girato per un po’ e poi abbiamo pranzato.

ALCUNE ESPRESSIONI PIÙ IDIOMATICHE


🔵 quite a bit = una quantità significativa

  • He knows quite a bit about the French Revolution.
  • Conosce bene la Rivoluzione Francese.
  • She told me quite a bit about her family.
  • Mi ha raccontato parecchio della sua famiglia.
  • I’ve been here for quite a bit now.
  • Sono qui da parecchio tempo ormai.
  • There’s still quite a bit to do.
  • C’è ancora parecchio da fare.

🔵 bit by bit = poco a poco / pezzo per pezzo

  • I’m getting there bit by bit.
  • Ci sto arrivando poco a poco.
  • We sorted it out bit by bit.
  • L’abbiamo sistemato pezzo per pezzo.
  • She learnt her lines bit by bit.
  • Imparò le sue battute poco a poco.
  • They’re building it bit by bit.
  • Lo stanno costruendo pezzo per pezzo.

🔵 smash/blow/break/rip/take to bits = disfare

  • Somebody has smashed the gate to bits.
  • Qualcuno ha ridotto il cancello a pezzi.
  • The factory was blown to bits.
  • La fabbrica fu fatta scoppiare in pezzi.
  • The vase broke to bits when it hit the floor.
  • Il vaso si sfrantumò quando arrivò a terra.
  • The dog ripped the doll to bits in a flash.
  • Il cane fece a pezzi la bambola in un attimo.
  • Bob took the phone to bits to find out what the problem was.
  • Bob smantellò il telefono per individuare il problema.

🔵 take a bit of + gerundio = quando ci vuole tempo/impegno per compiere qualcosa

  • The local food will take a bit of getting used to.
  • Ci vorrà un po’ di tempo per abituarsi al cibo del posto.
  • The new system took a bit of explaining.
  • C’è voluto un po’ di tempo per spiegare il nuovo sistema.
  • These exercises take a bit of doing.
  • Questi esercizi impegnano abbastanza.

🔵 to be a bit much = essere un po’ eccessivo (giudizio)

  • I thought his last comment was a bit much.
  • Ho trovato la sua ultima battuta un po’ eccessiva.
  • It’s a bit much asking us to work on a Sunday.
  • È un po’ esagerato chiederci di lavorare di domenica.
  • The whole performance was a bit much for me.
  • L’intero spettcaolo è stato un po’ eccessivo per me.

🔵 bits and pieces = cianfrusaglie

  • I keep all my bits and pieces in this drawer.
  • Tengo tutte le mie cianfrusaglie in questo cassetto.
  • What are you going to do with all these bits and pieces?
  • Cosa farai con tutte queste cianfrusaglie?

Do you want some more?

some more any more = ancora / altro ~

Spesso costringiamo i nostri vocaboli a fare più di un solo lavoro e, poiché difficilmente questo sdoppiamento trovi un’esatta corrispondenza in altre lingue, è facile che diventi fonte di potenziali errori nel momento di volerci esprimere in una lingua che non è la nostra. Questo è il caso tra l’italiano e l’inglese con i vocaboli ancora e altro quando vengono usati nel senso di dell’altro, degli altri ecc.

Normalmente si associa il vocabolo ancora alla coppia still yet in inglese e il vocabolo altro all’inglese other. Ma quando vengono usati nel senso di dell’altro, degli altri ecc. questi termini non funzionano e bisogna fare ricorso alla coppia some more / any more.

(Per la differenza tra some e any vedi QUI.)

Vediamo come funziona con alcuni esempi tipici a partire dal titolo di questo articolo.


Some more:

  • Do you want some more?
  • Ne vuoi ancora?
  • There are some more biscuits in the cupboard.
  • Ci sono altri biscottti nella credenza.
  • We took some more photos and then left.
  • Abbiamo scattato altre foto e poi ce ne siamo andati.
  • We’ve got some more of these souvenirs in the other shop.
  • Ne abbiamo ancora di questi souvenir nell’altro negozio.
  • Could I have some more information about the previous owners?
  • Potrei avere altre informazioni riguardo ai proprietari precedenti?

Any more:

  • Haven’t we got any more nails to hang these pictures?
  • Non abbiamo altri chiodi per appendere questi quadri?
  • I don’t want to hear any more comments, thank you.
  • Non voglio sentire altri commenti, grazie.
  • Can you play any more Eric Clapton songs?
  • Sai suonare altre canzoni di Eric Clapton?
  • Does anybody want any more?
  • Qualcuno ne vuole ancora?
  • We didn’t bring any more blankets, unfortunately.
  • Non abbiamo portato altre coperte, purtroppo.

Who made you do it?

to make somebody do something
obbligare / costringere qualcuno a fare qualcosa

to get somebody to do something
convincere / persuadere qualcuno di fare qualcosa

In italiano si tratta della stessa espressione e cioè quella di far fare qualcosa a qualcuno. In inglese c’è una sottile ma significativa differenza. Nel primo caso c’è un netto senso di obbligo, di dovere, di costrizione, e spesso anche una palese o implicita gestione di potere gerarchico. Nel secondo caso si tratta invece più di convincimento, di persuasione, e spesso di saper poter contare sulla disponibilità di qualcuno nei propri confronti.  Detto questo, la scelta tra le due forme è abbastanza soggettiva e dipende da quanto si vuole rendere dura o morbida la frase. Grammaticamente, l’unica differenza nelle due costruzioni è che la prima richiede l’infinito senza “to” dove la seconda invece esige l’infinito completo.


► MAKE

  • The boss often made us work on Sundays.
  • Il capo ci faceva lavorare spesso di domenica.
  • My mother makes me do my homework after lunch.
  • Mia mamma mi fa fare i compiti dopo pranzo.
  • I’ll make Tom wait with the others.
  • Farò aspettare Tom con gli altri.
  • She made him wish he had never come back.
  • Gli ha fatto desiderare di non essere mai tornato.
  • We made them pay for all the damage.
  • Gli abbiamo fatto pagare tutto il danno.

► GET

  • I’ll get Bob to call you when he gets home.
  • Ti farò chiamare da Bob quando rientrerà a casa.
  • They got us all to sing along in the end.
  • Ci hanno convinto ad unirci tutti nel canto alla fine.
  • Tom got the driver to leave us right outside the house.
  • Tom convinse il conducente a lasciarci proprio fuori dalla casa.
  • Jane always manages to get somebody to help her.
  • Jane riesce sempre a farsi aiutare da qualcuno.
  • I wouldn’t get Neil to do it if I were you.
  • Non lo farei fare da Neil se fossi in te.

N.B. Mentre l’espressione con get può essere usata al posto di quella con make senza cambiare significativamente il tono della frase (l’ammorbidisce soltanto), il contrario non è possibile in quanto cambierebbe il tono da uno di convincimento ad uno di costrizione.


By the time we got to Woodstock we were half a million strong

“Prima di arrivare a Woodstock eravamo una forza di mezzo milione”

By the time è un’espressione molto usata in inglese, facilmente traducibile o con prima che o con prima di o semplicemente con quando. Credo, però, che il suo vero significato è un po’ diverso e che possa essere utile capire quando è opportuno usarla invece di un semplice before oppure when, anche perché piace molto agli inglesi.

Per capire bene la sfumatura di questa espressione, bisogna partire dalla preposizione by, la quale, se abbinata ad un’espressione di tempo, significa entro (o, volendo, prima di).

Vediamo subito qualche esempio:

  • Make sure you’re there by 10:00 o’clock.
  • Accertati di essere lì entro le 10:00.

Con quel by stabiliamo le 10:00 come tempo massimo e, di conseguenza, la nostra attenzione si pone sul periodo di tempo che precede le 10:00, il cammino verso le 10:00, il periodo in cui va ancora bene arrivare all’appuntamento. In realtà quel by significa a qualche punto nel tempo, non ben definito, prima delle 10:00 e segna un periodo di tempo che si conclude alle 10:00.

Vediamo un altro esempio:

  • I want you to hand in all your homework by Friday.
  • Voglio che consegniate tutti i vostri compiti entro venerdì.

È la stessa situazione: venerdì è il tempo massimo e la nostra attenzione si pone naturalmente sui giorni che precedono il venerdì, sul cammino verso venerdì.

La differenza con l’espressione by the time è che il tempo massimo non viene segnato con un’orario o con un giorno ma con un evento: quindi con un verbo, un’azione. Relativo a questo evento c’è sempre  un percorso durante il quale qualcosa accade in modo che allo scoccare del tempo massimo la situazione è cambiata. Detto così risulta troppo teorico, però, quindi vediamo se riesco ad illustrarlo meglio con l’esempio della canzone di Joni Mitchell citato nel titolo:

“By the time we got to Woodstock we were half a million strong”

La traduzione che ho fornito all’inizio è, “prima di arrivare a Woodstock eravamo una forza di mezzo milione”, ma in realtà quel prima di non rende perfettamente quello che è implicito nella frase originale. Il senso della frase originale è più, “nell’arco di tempo che ci è voluto per arrivare a Woodstock siamo diventati una forza di mezzo milione“, oppure, “durante il nostro cammino verso Woodstock siamo diventati una forza di mezzo milione.” Questo perché l’espressione by the time mette in evidenza il percorso, fa capire che c’è voluto del tempo perché la situazione si evolvesse verso quel risultato.

[Bisogna considerare anche un’altra cosa. Se dico, Prima di arrivare a Woodstock eravamo una forza di mezzo milione”, potrebbe anche significare che poi, nel momento di arrivare a Woodstock, non eravamo più una forza di mezzo milione ma di più, o di meno.]

Vediamo un altro esempio:

  • By the time we arrived at the seaside the clouds had all vanished.
  • Prima di arrivare al mare le nuvole erano tutte sparite.
  • Quando siamo arrivati al mare le nuvole erano tutte sparite.

Chiaramente, al momento di partire, il cielo era coperto e la gita al mare sembrava partire piuttosto male. Poi, durante il viaggio, le nuvole hanno cominciato miracolosamente a disperdersi in modo che al momento di arrivare al mare non ce n’erano più. Avremo potuto dire, “Before we arrived…” oppure “When we arrived…” come nelle due versioni in italiano, ma nessuno di queste due espressioni ci avrebbe dato quel senso del graduale schiarimento del cielo, sottolineando anche il tempo impiegato nel viaggio.

  • Many of the townsfolk had already gone away by the time the mayor made his speech.
  • Molti dei cittadini erano già andati via prima che il sindaco facesse il suo discorso.

Qui l’uso di by the time sottolinea che per quanto riguarda la persona che parla, il sindaco ha perso troppo tempo prima di fare il suo discorso e i cittadini si erano già stancati di aspettare.

Questa è l’essenza dell’espressione by the time.

Ma come si usa? In che tempi vanno messi i verbi? Vediamo subito le formule più gettonate, tenendo presente che le due proposizioni che compongono la frase possono essere sempre invertite.


PRESENT MEANING (habitual)

1) [by the time + present simple] + [present perfect]

  • By the time I get home every day the sun has already set.
  • Prima che arrivo a casa ogni giorno il sole è già tramontato.

PAST MEANING

1) [by the time + past simple] + [past continuous]

  • By the time the film ended most of the people in the cinema were crying.
  • Prima che il film finisse la maggior parte della persone nel cinema piangeva.

2) [by the time + past simple] + [past perfect]

  • By the time the guests arrived we had found enough chairs for everybody.
  • Prima che gli ospiti arrivassero avevamo trovato abbastanza sedie per tutti.

3) [by the time + past perfect] + [was/were]

  • By the time the painters had finished we were ready to move in.
  • Prima che i pittori avessero finito eravamo pronti a trasferirci.

FUTURE MEANING

1) [by the time + present simple] + [future simple]

  • By the time you get this message I will know the results.
  • Prima che riceverai questo messaggio saprò i risultati.

2) [by the time + present simple] + [future continuous]

  • By the time Bob arrives the children will be having dinner.
  • Prima che Bob arriverà i ragazzi staranno cenando.

3) [by the time + present simple] + [future perfect]

  • By the time the news gets out they will have chosen a new president.
  • Prima che la notizia sarà uscita avranno scelto un nuovo presidente.


CONTRIBUTI VOLONTARI

Adesso puoi sostenere Ingliando con una libera donazione.

€5.00



Me too!

Me too (anche io) sarà probabilmente una delle frasi fatte più gettonate nella lingua inglese, e non senza motivo. È il modo più semplice e diretto per assecondare quello che è appena stato detto:

  • We are enjoying this course.
  • Me too.
  • Jane has got some wine.
  • Me too.
  • I want some chips.
  • Me too.
  • Bob and Tom watched the match.
  • Me too.
  • I would like to see this film.
  • Me too.
  • We will bring some wine.
  • Me too.

Come si vede dagli esempi, non importa chi è il soggetto della frase originale né che tempo sia il verbo, me too funziona sempre. Per questo è così gettonato! Però, me too non suona sempre bene e può risultare un po’ ripetitivo. Inoltre, ha un limite non indifferente: è una formula per la prima persona singolare. Di conseguenza, prima o poi, servirà un’alternativa più flessibile ed è di questa alternativa che vorrei parlare qui. Si tratta della formula:

so + ausiliare + pronome/nome

È quello spaventoso ausiliare in mezzo che fa un po’ paura per i meno audaci, ma basta un po’ di pratica e si risolve tutto. In realtà, con molti tempi dei verbi, è la frase precedente che ci fornisce il giusto ausiliare da impiegare. Fanno eccezione il present simple e il past simple, e bisogna stare un po’ attenti anche con i verbi to be e to have. Nel caso del present simple e del past simple il problema è che la frase affermativa non utilizza un ausiliare e quindi ci troviamo costretti a ricercarlo. Ovviamente si tratta semplicemente di do o di does per il present simple (dipende dal soggetto) e di did per il past simple (sempre uguale). Nel caso dei verbi to be e to have dobbiamo stare attenti al soggetto perché to be ha tre forme – am, is, are – e to have ne ha due – has, have. Con questi accorgimenti possiamo fare tutto. Prendiamo gli esempi già usati qui sopra:

  • We are enjoying this course.
  • So am I.
  • Jane has got some wine.
  • So have I.
  • I want some chips.
  • So do I.
  • Bob and Tom watched the match.
  • So did I.
  • I would like to see this film.
  • So would I.
  • We will bring some wine.
  • So will I.

Però adesso abbiamo un grande vantaggio, adesso non siamo più limitati alla prima persona singolare:

  • We are enjoying this course.
  • So is Bob.
  • Jane has got some wine.
  • So has he.
  • I want some chips.
  • So do the children.
  • Bob and Tom watched the match.
  • So did they.
  • I would like to see this film.
  • So would my brother.
  • We will bring some wine.
  • So will Jane’s parents.

Ecco perché è così importante prendere confidenza con l’uso degli ausiliari in inglese!


A questo punto siamo pronti per vedere come si fa ad assecondare una frase negativa. In questo caso la formula è:

neither/nor + ausiliare + pronome/nome

In questo caso il “problema” del present simple e del past simple scompare in quanto entrambi i tempi usano l’ausiliare per il passato e quindi non c’è bisogno di ricercarlo. Bisogna comunque stare sempre attento per eventuali cambiamenti di soggetto che influiscono sulla forma corretta dell’ausiliare da usare. La scelta tra neither e nor è del tutto arbitraria e non influisce sul significato della frase:

  • I am not feeling very well.
  • Neither is Jane.
  • We haven’t got any bread.
  • Nor has Tom.
  • I don’t like football.
  • Neither does Tom.
  • They didn’t have a holiday.
  • Nor did we.
  • We haven’t bought anything.
  • Neither has Clare.
  • Bob won’t help them.
  • Nor will Tom.

Chiaramente lo stesso vale anche con gli ausiliari con significati specifici come can, must, should etc:

  • I must go now.
  • So must we.
  • Jane can’t speak French.
  • Nor can Clare.
  • Tom should apply for this job.
  • So should Bob.

What’s the point of learning English?

A cosa serve imparare l’inglese?

Scherzo ovviamente! Altrimenti non saremmo qui! Il titolo serve semplicemente per presentare una bella espressione idiomatica in inglese: “What’s the point?” (a cosa serve?). In termini concreti, the point sarebbe il motivo, il senso, la giustificazione, l’intenzione, l’utilità e così via. Quindi un’espressione con ampio respiro che viene molto sfruttata particolarmente nelle forme interrogative e negative.

È molto difficile definire una singola forma base come struttura grammaticale per la costruzione di una frase con questa espressione. Forse è più utile vedere diverse frasi che sfruttano la stessa formula per fissare le varie possibilità più consuete.


Interrogativo

Formula: What’s the point of + gerundio:

  • What’s the point of writing to Tom if he never answers?
  • A che cosa serve scrivere a Tom se non risponde mai?
  • What’s the point of earning more if the government takes it all in taxes?
  • A che cosa serve guadagnare di più se il governo prende tutto con le tasse?
  • What’s the point of having all these records if you never listen to them?
  • A che cosa serve avere tutti questi dischi se non li ascolti mai?

Formula: What’s the point of + sostantivo:

  • What’s the point of these blankets? It’s summer!
  • A che cosa servono queste coperte? È estate!
  • What’s the point of these comments? The meaning is already perfectly clear.
  • A che cosa servono questi commenti? Il significato è già perfettamente chiaro.
  • What’s the point of these decorations? Nobody will see them.
  • A che cosa servono queste decorazioni? Nessuno le vedrà.

Continua a leggere…

%d bloggers like this: