Quiz Time 10

It’s Quiz Time again at Ingliando.
Do you know the right answer?


Puoi sfidarti con altri quizQUI


Your comments are always very welcome.


Advertisement

By

You should know by now = dovresti sapere ormai

La preposizione by non sarà forse una di quelle che si usano con maggiore frequenza nel quotidiano, ma resta comunque indispensabile e compie un numero sorprendente di funzioni diverse. Volendo cercare un nesso tra queste varie funzioni, si potrebbe dire che in diversi casi la preposizione by introduce un elemento esplicativo, ma non sempre.

Vediamo in quanti modi diversi possiamo utilizzarla.


BY per spiegare come si viaggia:

  • Bob and Jane came home from the party by taxi.
  • Bob e Jane sono tornati dalla festa col taxi.
  • Tom goes to work by train.
  • Tom va al lavoro col treno.
  • It’s cheaper to go to London by bus.
  • È più economico andare a Londra con l’autobus.

N.B. In seguito alla preposizione by possiamo mettere solo il nome del mezzo, senza aggettivo, aggettivo possessivo, genitivo sassone o quant’altro.

  • We went to the beach by Tom’s car. ❎
  • We went to the beach in Tom’s car. ✅
  • Siamo andati alla spiaggia con la macchina di Tom.
Continua a leggere…

Throw

Puoi trovare altri utili appuntiQUI


Your comments are always very welcome.


How big is it?

Puoi trovare altri utili appuntiQUI


Your comments are always very welcome.


Picture description

Spesso capita che ci troviamo a volere o a dovere descrivere il contenuto di un quadro, una foto, un’immagine qualsiasi. In questo caso è fondamentale sapere indicare a quale parte dell’immagine ti riferisci. L’immagine in alto illustra le espressioni più tipiche che vengono utilizzate per dare queste indicazioni e per portare avanti questo tipo di descrizione.

Vediamo dal punto di vista sintattico le tre formule più tipiche che vengono utilizzate.


  • In the top left-hand corner (of the picture)…
    …a polar bear is eating a fish.
    …there is a polar bear (that is) eating a fish.
    …we can see a polar bear (that is) eating a fish.

Nell’angolo in alta a sinistra un orso polare sta mangiando un pesce.


  • In the bottom left-hand corner (of the picture)…
    …two lions are hoping for a tasty meal.
    …there are two lions (that are) hoping for a tasty meal.
    …we can see two lions (that are) hoping for a tasty meal.

Nell’angolo in basso a sinistra due leoni stanno sperando in un pasto saporito.


  • In the foreground (of the picture)…
    …a boy is frightening a girl with a toy snake.
    …there is a boy (who is) frightening a girl with a toy snake.
    …we can see a boy (who is) frightening a girl with a toy snake.

Nel primo piano un ragazzo sta spaventando una ragazza con un serpente giocattolo.


  • In the middle (of the picture)…
    …a park attendant is feeding a seal.
    …there is a park attendant (who is) feeding a seal.
    …we can see a park attendant (who is) feeding a seal.

Al centro un assistente del parco sta dando da mangiare ad una foca.


  • In the background (of the picture)…
    …some snakes are escaping from the reptile house.
    …there are some snakes (that are) escaping from the reptile house.
    …we can see some snakes (that are) escaping from the reptile house.

Nello sfondo alcuni serpenti stanno scappando dalla casa dei rettili.


  • On the right-hand side (of the picture)…
    …some monkeys are playing on an island.
    …there are some monkeys (that are) playing on an island.
    …we can see some monkeys (that are) playing on an island.

Nella parte a destra alcune scimmie stanno giocando su un’isola.


N.B. Chiaramente queste espressioni sono solamente delle indicazioni orientative e alcune si sovvrappongono in parte tra di loro. La scelta dell’espressione più adatta dipenderà sempre dalla composizione dell’immagine e da quanto si vuole essere precisi con la propria descrizione.


L’immagine è scaricabile in formato pdf QUI.


Your comments are always very welcome.


Across vs. Through

L’uso diacrossethroughcome avverbi di movimento

Si tratta di due avverbi (ma sono anche preposizioni) che riescono spesso a mettere in difficoltà chi studia l’inglese come seconda lingua. Il problema, piuttosto comune, è sapere con quale criteri scegliere l’uno o l’altro. Bene, in effetti ci sono due criteri fondamentali, uno abbastanza oggettivo e l’altro un po’ più soggettivo.

In entrambi i casi si tratta di attraversare da una parte all’altra qualcosa, che sia una stanza, una strada, un parco, un ponte, una galleria o altro. Quello che è importante è capire come si fa questo attraversamento.


Across


Si usa l’avverbio across con riferimento ad un’area essenzialmente bidimensionale. Chi effettua il movimento lo fa passando sulla superficie dell’area in questione. Questo criterio è abbastanza obbiettivo ma non è sempre conclusivo come vedremo. Esaminiamo alcuni esempi palesi di questo uso:

  • Bob walked across the road and went into the supermarket.
  • Bob attraversò la strada ed entrò nel supermercato.
  • A mouse ran across the table and jumped onto the floor.
  • Un topolino corse attraverso il tavolo e saltò a terra.
  • We strolled across the lawn and sat down under the tree.
  • Abbiamo passeggiato attraverso il prato e ci siamo seduti sotto l’albero.

La bidimensionalità del manto di una strada, del piano di un tavolo e della superficie di un prato è piuttosto evidente e chiaramente per andare da una parte all’altra si passa sulla superficie dell’area in questione.


Through


Si usa l’avverbio through con riferimento ad un’area essenzialmente tridimensionale. Chi effettua il movimento lo fa entrando dentro l’area in questione e uscendo fuori dall’altra parte. Anche in questo caso il criterio è abbastanza obbiettivo ma non sempre conclusivo. Esaminiamo alcuni esempi palesi anche di questo uso:

  • We had to drive through a really long tunnel on our way to Taormina.
  • Abbiamo dovuto passare attraverso una galleria lunghissima sulla strada per Taormina.
  • The thieves got in through a hole in the wall.
  • I ladri sono entrati attraverso un buco nel muro.
  • We walked through the forest until we came to a river.
  • Abbiamo camminato attraverso la foresta finché non siamo arrivati ad un fiume.

La tridimensionalità di una galleria, di un buco dentro un muro e di una foresta è piuttosto evidente e chiaramente bisogna entrare da una parte e uscire dall’altra.


Across oppure through?


Il problema nasce quando la distinzione tra bidimensionalità e tridimensionalità è meno marcata o addirittura soggettiva. In questo caso la scelta diventa più libera e dipende maggiormente dall’enfasi che vogliamo mettere o non mettere su ciò che ci circonda durante l’attraversamento.

Se ci interessa esclusivamente il raggiungimento dell’altra parte, probabilmente sceglieremo across. Se invece ci interessa ciò che troviamo attorno a noi mentre compiamo l’attraversamento e vogliamo immergerci in questo ambiente per poi uscirne di nuovo, useremo through. Vediamo qualche esempio che si presta ad entrambi le possibilità:

  • We jumped over the gate and walked across the field to the bus stop.
  • Abbiamo scavalcato il cancello e attraversato il campo verso la fermata dell’ autobus.
  • You’re not allowed to walk through this field.
  • Non è permesso attraversare questo campo a piedi.

Nel primo esempio l’attraversamento del campo serve solamente per raggiungere la fermata dell’autobus. Nel secondo esempio l’enfasi è più sul divieto di entrare nel campo come ambiente e usarlo per arrivare dall’altra parte.

  • The boys ran across the garden and dived into the lake.
  • I ragazzi corsero attraverso il giardino e si tuffarono nel lago.
  • I love wandering through the garden as the sun goes down.
  • Adoro passeggiare attraverso il giardino mentre il sole tramonta.

Il ragionamento è lo stesso. Nel primo esempio il giardino è soltanto un’area che va attraversata per raggiungere il lago. Nel secondo esempio il giardino viene vissuto come un ambiente nel quale immergersi, possibilmente neanche attraversandolo del tutto.

  • You have to drive right acrossthe town to get to the new restaurant.
  • Devi attraversare tutta la città per raggiungere il nuovo ristorante.
  • Driving throughthe town at rush hour is a nightmare.
  • Attraversare la città all’ora di punta è un incubo.

Anche qui nel primo esempio ci interessa l’attraversamento della città solamente come percorso obbligato per raggiungere il ristorante. Nel secondo esempio c’è più enfasi sul senso di essere immerso nel traffico durante l’attraversamento.


Your comments are always very welcome.


Dangling prepositions

In inglese si chiamano in diversi modi, ma dangling prepositions è il nome che mi piace di più: preposizioni penzolanti. Cosa sono? Sono quelle preposizioni che si trovano fuori posto, quasi sempre penzolanti alla fine di una frase (da qui il nome). Come arrivano così fuori posto? Beh, è semplicemente il risultato di una manovra sintattica del tutto impensabile in italiano ma abbastanza comune in inglese. Vediamo da vicino cosa succede esattamente e le tre circostanze nelle quali questa manovra può avvenire.


Domande aperte

Le domande aperte sono quelle domande che cercano specifiche informazioni e che cominciano con un pronome interrogativo – who, what, where ecc. A volte questo pronome interrogativo può fungere come complemento del verbo ed è in questi casi che avviene la manovra sintattica in inglese. Partiamo da un esempio in italiano:

  • Per chi lavora Bob?

Chi fa la domanda sa che Bob lavora per qualcuno ma non sa per chi lavora. Di fatto, per chi è l’informazione richiesta dalla domanda. La costruzione più naturale è quella italiana qui sopra, ed è anche quella che regnava una volta nell’inglese più formale:

  • For whom (forma accusativa) does Bob work?

Se fosse rimasto così, sarebbe tutto molto semplice, ma nel tempo l’inglese ha trovato più comodo spostare quella preposizione dall’inizio della domanda e attaccarla al suo verbo di riferimento. Così facendo la preposizione va a finire alla fine della frase senza un evidente punto di riferimento, penzolante si potrebbe dire:

  • Who does Bob work for? (non serve più la forma accusativa ‘whom’)
Continua a leggere…

It’s all about you

Mi è saltata all’occhio l’altro giorno l’espressione all about e mi è sembrata degna di un piccolo appunto qui su Ingliando. Sicuramente alcuni di voi ricorderete la canzone del 2014 All about that bass di Meghan Trainor che ha reso questa espressione popolare per la prima volta, forse, in Italia.

Cosa vuole dire esattamente to be all about someone or something? In effetti è un neologismo che si utilizza quando si è focalizzati fortemente su qualcuno o qualcosa, o quando si è molto appassionati di qualcuno o qualcosa. Quindi nel caso del brano, la cantante racconta che è tutta incentrata su “quel basso” (il brano si schiera contro la moda della magrezza femminile utilizzando “quel basso” come metafora per le forme femminili più generose).

Ma come si usa questa espressione? In effetti si usa principalmente in uno di due modi, o per parlare dell’ossessione di una persona o per parlare del contenuto di qualcosa: un libro, un film, una conferenza, un articolo di giornale, una riunione o qualcosa di simile.

Vediamo qualche esempio del primo tipo
  • Bob is all about rugby these days.
  • Bob è fissato col rugby di questi tempi.
  • Kate is all about family values.
  • Kate è tutta incentrata sui valori della famiglia.
  • The group is all about saving the planet.
  • Il gruppo è dedito a salvare il pianeta.

E qualche esempio del secondo tipo
  • His first book was all about his travels in the Far East.
  • Il suo primo libro parlava esclusivamente dei suoi viaggi nell’oriente.
  • The conference is all about energy saving methods.
  • La conferenza tratta i metodi di risparmio energetico.
  • Yesterday’s meeting was all about the recent financial crisis.
  • L’incontro di ieri era incentrato sulla recente crisi finanziaria.

L’espressione all about non si abbina esclusivamente al verbo to be, però. La possiamo trovare in alcune altre interessanti collocazioni.


Vediamo alcuni esempi tipici
  • Neil knows all about handling snakes.
  • Neil sa bene come gestire i serpenti.
  • I’ve heard all about your exploits in Scotland.
  • Ho sentito tutto sulle tue imprese in Scozia.
  • Lucy had forgotten all about her dental appointment that day.
  • Lucy aveva dimenticato completamente il suo appuntamento dal dentista quel giorno.
  • I’ll tell you all about the party when I see you.
  • Ti racconterò tutto della festa quando ti vedrò.
  • I read all about the explosion in the newspaper this morning.
  • Ho letto tutto sull’esplosione nel giornale.
  • He wrote all about his love affair in a long letter to his brother.
  • Scrisse tutto sulla sua storia d’amore in una lunga lettera a suo fratello.

Well, it’s all about you now!


Your comments are always very welcome.


%d bloggers like this: