RSS

Archivi tag: advanced

Insects could be the planet’s next food source

insects

Si tratta di un articolo del giornale The Guardian del 2 marzo 2013, che il sito Onestopenglish.com ha rielaborato per renderlo a livello intermediate e al quale hanno anche aggiunto diversi esercizi da svolgere basati sulla comprensione del testo.

Si può scaricare (gratis) l’articolo e i relativi esercizi in un file pdf cliccando su questo link: Insects

Consiglio di ascoltare il brano senza la trascrizione inizialmente in modo da esercitare al massimo la propria capacità di comprendere solo ascoltando (anche se la comprensione risulta minima è sempre un esercizio utile per l’orecchio!) Successivamente bisogna riascoltare con il testo davanti prima di passare agli esercizi (facoltativi ovviamente!).

Creative Commons ~ some rights reserved

 
7 commenti

Pubblicato da su 20 dicembre 2016 in Inglese in azione, read & listen

 

Tag: , , , , , ,

British English vs. American English

ukvsusa

I primi colonizzatori inglesi sono arrivati in America nel 1607 ed è da quel momento che la lingua inglese dall’altra sponda dell’Atlantico ha intrapreso il suo percorso autonomo. Oggi, anche se gli inglesi e gli americani parlano la stessa lingua, ovviamente, è pur vero che le differenze tra queste due versioni di inglese sono tali che ormai da parecchio tempo si parla di British English (BrE) e di American English (AmE) come due cose in qualche modo distinte.

Mentre è vero che esistono delle differenze che vanno aldilà di una questione puramente lessicale, le differenze principali si trovano proprio nel campo dei vocaboli e in quello dell’ortografia. In numerosi casi i due paesi usano vocaboli diversi per riferirsi alla stessa cosa o usano la stessa parola per riferirsi a due cose diverse. Ovviamente questo fatto causa non poche complicazioni per chi sta imparando l’inglese come seconda lingua. Nel campo dell’ortografia invece si tratta semplicemente di scelte diverse basate sulle due possibilità arrivate nella lingua inglese dal latino e dal francese.

Non bisogna ingrandire però l’entità del problema e di sicuro non è il caso di mettersi a memorizzare l’elenco qui sotto che deve servire invece come un semplice quadro generale, utile per risolvere eventuali dubbi e per familiarizzare con alcuni dei vocaboli e alcune delle differenze ortografiche più comuni.

Se ti interessa sapere di più sulla storia e le ragioni delle differenze di ortografia tra l’Inghilterra e gli Stati Uniti d’America, c’è un ottimo articolo (americano) QUI.

VOCABOLI

it antiorario gbanticlockwiseusacounterclockwise

it appartamento gbflatusaapartment

it ascensore gbliftusaelevator

it autostrada gbmotorwayusahighway

it autunno gbautumnusafall

Continua a leggere…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 6 dicembre 2016 in Lessico, vocabulary

 

Tag: , , , , , ,

Some words can be quite tricky

quite

quite = abbastanza / piuttosto / discretamente / sufficientemente / proprio

Senza dubbio è la traduzione più consueta – abbastanza – che trae facilmente in errore quando si ha a che fare con l’avverbio quite in inglese. Il problema nasce dal fatto che abbastanza esprime due concetti diversi e, anche se la differenza tra questi due concetti spesso risulta trascurabile in italiano, in inglese si usano due termini ben diversi:

  • abbastanza (piuttosto) = quite (semplice valutazione di misura)
  • abbastanza (sufficientemente) = enough (valutazione di misura relativa a qualcosa)

Quindi, prima di tradurre dall’italiano all’inglese bisogna soffermarsi e riflettere un attimo se il senso è piuttosto oppure sufficientemente.

  • La macchina di Bob è abbastanza (piuttosto) grande.
    • Bob’s car is quite big.
  • La macchina di Bob è abbastanza grande per tutti noi.
    • Bob’s care is big enough for all of us.
  • Il fratello di Jane è abbastanza (piuttosto) forte.
    • Jane’s brother is quite strong.
  • Il fratello di Jane è abbastanza forte per proteggerla.
    • Jane’s brother is strong enough to protect her.
  • Tom è abbastanza (piuttosto) grande (di età).
    • Tom is quite old.
  • Tom è abbastanza grande per guidare la macchina.
    • Tom is old enough to drive a car.

Continua a leggere…

 
4 commenti

Pubblicato da su 2 dicembre 2016 in adverbs, Appunti grammaticali, Lessico, words-in-action

 

Tag: , , ,

Inner Sense

Esclusivamente per chi di voi ha già una buona dimestichezza con l’inglese scritto o per chi magari
si trova un po’ meno preparato ma ama comunuqe la sfida, vi presento il mio romanzo d’esordio:

~ Inner Sense ~

A fantasophical journey
into the essence
of existence.

inner-sense-cover-thumbnail

“Daniel Davis is a bored and disillusioned bank clerk whose humdrum existence is unexpectedly put to the test one morning by the appearance of The Black: an impenetrable wall of darkness which incarcerates him unremittingly within the confines of his own home. Totally cut off from the outside world, Daniel has to reorganize and reassess his daily life in order to retain some control over his vacillating mind. When a chance to escape finally arrives, Daniel finds himself, perhaps unsurprisingly, teetering between the frying pan and the fire. Aware that he has no real choice, he starts out on an intrepid journey in which past and present, fact and fiction, fear and fascination interweave in a kaleidoscopic world whose enigmatic inhabitants goad him into a seemingly impossible quest to find his inner sense.”

Se la tua curiosità è stata pizzicata dalla presentazione,
ecco dove puoi reperire il libro:

Buy from Amazon
usa_small
uk_smallitaly_small

Buona lettura!


Creative Commons ~ some rights reserved

 
2 commenti

Pubblicato da su 29 novembre 2016 in Notizie

 

Tag: , , ,

Rebus 4

Cerca di individuare le parole mancanti
lasciandoti ispirare dall’immagine.

serial-killer

 
6 commenti

Pubblicato da su 22 novembre 2016 in Palestra, rebus

 

Tag: , , , ,

Eight shades of abundance

degrees-of-quantity

Otto sfumature di abbondanza

Dubito che questa mia pubblicazione possa ottenere lo stesso successo delle celebri “cinquanta sfumature di grigio“, ma forse per qualcuno potrebbero risultare persino più utili. Chissà. L’idea, intanto, è quella di gettare un po’ di luce sui più comuni modi di esprimere quantità in inglese, smistandoli, mettendoli in ordine crescente, e assegnando un punto di riferimento orientativo ad ogni sfumatura. Ho preferito non entrare in merito alla grammatica specifica per ogni modo di dire perché non è quello lo scopo dell’articolo e perché renderebbe meno immediato l’effetto schematico. Invece, laddovè ho già pubblicato qualcosa al riguardo, ho messo un link tra parentesi.

Sempre con l’idea di tenere tutto il più schematico possibile, mi sono basato su due frasi soltanto: una come esempio di un sostantivo numerabile e l’altro come esempio di un sostantivo non numerabile. Si tratta dunque del numero di fiori nel giardino di Jane questa primavera e della quantità di neve sull’Etna quest’inverno.


SOSTANTIVI NUMERABILI


QUANTITÀ INESISTENTE

Non ci sono fiori nel giardino di Jane questa primavera.

  • There are no flowers in Jane’s garden this spring. (link)
  • There aren’t any flowers in Jane’s garden this spring. (link)

QUANTITÀ INSIGNIFICANTE

► Ci sono pocchissimi fiori nel giardino di Jane questa primavera.

  • There are very few flowers in Jane’s garden this spring.
  • There are hardly any flowers in Jane’s garden this spring.

Continua a leggere…

 
6 commenti

Pubblicato da su 15 novembre 2016 in Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Quite a lot

quite-a-lot

“Tutto solo! Se ti piace o no, sarai abbastanza solo.”

A parte la citazione del grande Dr. Suess, quello che ho scelto di esaminare qui è l’espressione quite a lot (of). Impiegata quasi esclusivamente nella forma affermativa, l’espressione quite a lot (of) è usatissima per esprimere l’idea di abbastanza in inglese. Attenzione però, non si tratta di quell’abbastanza che indica solamente una quantità sufficiente per le esigenze del momento (quello che si esprime con enough in inglese), qui si tratta invece di una quantità (o di un numero) piuttosto significativa: si potrebbe dire in italiano diversi/e, un buon numero di, un bel po’ di. Il significato dunque è vicino a quello di molto ma con qualcosa in meno.

Grammaticalmente viene usata come a lot (of), quindi con sostantivi sia plurali che non numerabili o con verbi. Viene usata molto anche come pronome, spesso nelle risposte brevi. Vediamo l’espressione al lavoro.


Con sostantivi plurali:

  • There were quite a lot of new faces at the meeting yesterday.
  • C’erano abbastanza (diverse, un buon numero di) facce nuove alla riunione ieri.
  • I read quite a lot of books when I was a child.
  • Ho letto abbastanza (diversi, un certo numero di) libri quando ero bambino.
  • He’s got quite a lot of fascinating objects from his travels around the world.
  • Ha abbastanza (diversi, un buon numero di) oggetti affascinanti dai suoi viaggi in giro per il mondo.
  • She keeps quite a lot of rescued animals at her house in the country.
  • Tiene abbastanza (diversi, un buon numero di) animali soccorsi nella sua casa in campagna.
  • How many Frank Zappa records has he got? Quite a lot.
  • Quanti dischi di Frank Zappa ha? Abbastanza (diversi, un buon numero).

Continua a leggere…

 
6 commenti

Pubblicato da su 8 novembre 2016 in Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , ,

The caveman

L’uomo delle caverne

[ intermediate / advanced ]

For the past 25 years, Ra Paulette has been carving out man-made caves from the sandstone hills of New Mexico, and then sculpting these spaces into works of art he calls wilderness shrines. Lee Cowan has the story of an artist who does his best work underground.

Buona visione!


Creative Commons ~ some rights reserved

 
6 commenti

Pubblicato da su 2 novembre 2016 in Inglese in azione, listen, video

 

Tag: , , , , , , ,

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: