A guide to basic sentence construction

A differenza dell’italiano, l’inglese tende a essere una lingua piuttosto rigida per quanto riguarda l’ordine delle parole all’interno di una frase. Prendiamo subito un caso esemplare:

  • Bob does everything around here.
  • 1) Bob fa tutto da queste parti.
  • 2) Bob da queste parti fa tutto.
  • 3) Fa tutto Bob da queste parti.
  • 4) Fa tutto da queste parti Bob.
  • 5) Da queste parti Bob fa tutto.
  • 6) Da queste parti fa tutto Bob.

Anche se delle sei versioni in italiano qualcuna può sembrare un po’ più naturale di un’altra, tutte e sei sono possibili, mentre in inglese c’è una sola costruzione che suona in modo naturale.

Ovviamente, non si può generalizzare più di tanto perché molto dipende dal livello d’istruzione di chi parla (o scrive) e dalla complessità dell’argomento, ma una guida di base può sempre risultare utile per chi non ha ancora le idee chiare al riguardo.

La frase più semplice in inglese consiste in una sola proposizione all’interno della quale ci deve essere, come minimo, un SUBJECT e un VERB (può fare eccezione la forma imperativa). Ma poiché non tutti i verbi si comportano nello stesso modo, anche la frase più semplice si può espletare in diversi modi. Vediamo come.

N.B. Tutti gli esempi che seguono sono nella forma affermativa per non complicare le tabelle. L’inserimento dell’ausiliare negativo (per la forma negativa) o l’inversione tra ausiliare e soggetto (per la forma interrogativa) non influiscono ulteriormente nella costruzione del resto della frase.


INTRANSITIVE VERBS

Un intransitive verb è un verbo che non può reggere un complemento oggetto diretto in quanto l’azione del verbo non agisce direttamente su qualcuno o su qualcosa.


Unintransitive verbci dà la possibilità di creare delle frasi che consistono solamente di un soggetto e un verbo.

SUBJECTVERB
My father
Mio padre
snores
russa
The baby
Il bambino
is crying
sta piangendo
The guests
Gli ospiti
have arrived
sono arrivati
The problem
Il problema
will continue
continuerà
These things
Queste cose
happen
succedono
The children
I ragazzi
are sleeping
stanno dormendo
Tom’s cat
Il gatto di Tom
has died
è morto
The phone
Il telefono
will ring
suonerà

Un intransitive verb può essere arricchito con l’aggiunta di un avverbio che illustra la modalità del verbo.

SUBJECTVERBADVERB
Their daughter
La loro figlia
is behaving
si sta comportando
badly
male
The students
Gli studenti
are learning
stanno imparando
fast
velocemente
The guests
Gli ospiti
arrived
arrivarono
early
in anticipo
The children
I ragazzi
were playing
stavano giocando
quietly
silenziosamente
The car in front
La macchina davanti
stopped
si fermò
suddenly
all’improvviso
His uncle
Suo zio
was snoring
stava russando
loudly
forte
The candidate
Il candidato
answered
rispose
correctly
correttamente
The team
La squadra
had played
aveva giocato
well
bene

Allo stesso modo, un intransitive verb può essere arricchito da una prepositional phrase, la quale, utilizzando una preposizione come legame, fornisce ulteriori informazioni riguardo al verbo: chi, cosa, quando, dove, perché, ecc.

SUBJECTVERBPREP. PHRASE
Tom’s friends
Gli amici di Tom
are going
stanno andando
to the cinema
al cinema
The children
I ragazzi
know
sanno
about his accident
del suo incidente
The teacher
L’insegnante
began
iniziò
with an easy lesson
con una lezione facile
Lucy’s friend
L’amica di Lucy
comes
viene
from Croatia
dalla Croazia
Nobody
Nessuno
had heard
aveva sentito parlare
of Shakespeare
di Shakespeare
The train
Il treno
arrived
arrivò
at half past ten
alle dieci e mezzo
Everything
Tutto
depends
dipende *
on the weather
dal tempo
My brother
Mio fratello
is waiting
sta aspettando **
for the results
___ i risultati
The students
Gli studenti
were listening
ascoltavano **
to an old record
___ un vecchio disco
The policeman
Il poliziotto
looked
guardò **
at the broken window
___ la finestra rotta

* Non c’è sempre corrispondenza tra la preposizione inglese e quella italiana!
** A volte unintransitive verbin inglese corrisponde a untransitive verbin italiano e, di conseguenza, nell’italiano non serve una preposizione!


TRANSITIVE VERBS

Untransitive verbè un verbo che agisce direttamente su qualcuno o qualcosa. Questo qualcuno o qualcosa si chiama il direct object del verbo.


Untransitive verbesige la presenza di un direct object per dare un senso compiuto alla frase.

SUBJECTVERBDIRECT OBJECT
My sister
Mia sorella
loves
ama
chocolate
il cioccolato
The baby
Il bambino
is having
sta facendo
a bath
un bagno
My friends
I miei amici
have seen
hanno visto
this film
questo film
Jane’s brother
Il fratello di Jane
will buy
comprerà
the tickets
i biglietti
This shop
Questo negozio
sells
vende
fresh bread
pane fresco
The girls
Le ragazze
are making
stanno facendo
a cake
una torta
Someone
Qualcuno
has stolen
ha rubato
my bicycle
la mia bicicletta
My cousins
I miei cugini
will rent
affitteranno
a house
una casa

N.B. Alcuni verbi possono essere sia transitive che intransitive in quanto possono essere usati con diverse sfumature di significato, con o senza un direct object.


LINKING VERBS

Unlinking verbnon è un verbo di azione ma un verbo che serve a identificare o a meglio descrivere il soggetto della frase.


Unlinking verbfunge da legame tra il soggetto e un successivo sostantivo o aggettivo. Il linking verb per eccellenza è il verbo to be. Infatti, per capire se un verbo funge da linking verb, basta vedere se è sostituibile con il verbo to be.

SUBJECTVERBNOUN / ADJECTIVE
My father
Mio padre
is
è
a businessman
un imprenditore
Your notes
I tuoi appunti
were
erano
very useful
molto utili
His sister
Sua sorella
has become
è diventata
a jazz singer
una cantante jazz
The job
Il lavoro
was becoming
diventava
a bit boring
un po’ noioso
Your proposal
La tua proposta
seems
sembra
valid
valida
The children
I ragazzi
seemed
sembravano
excited
eccitati
The new swimming pool
La nuova piscina
looks
sembra (impressione visiva)
amazing
pazzesca
Lucy’s plan
Il progetto di Lucy
sounds
sembra (impressione uditiva)
feasible
fattibile
That cake
Quella torta
smells
fa un profumo
delicious
delizioso

N.B. Alcuni verbi possono fungere sia come linking verbs, sia come action verbs, come per esempio to look, to sound, to smell, to feel.


DITRANSITIVE VERBS

Un ditransitive verb è un verbo che può reggere sia un direct object che un indirect object nello stesso tempo. In questo caso vengono evidenziati sia chi o cosa subisce l’azione sia il destinatario dell’azione.


Un ditransitive verb ci dà due possibili costruzioni della frase. Questa prima è quella classica che rispecchia meglio la costruzione tipica italiana con il complemento oggetto messo per primo e legato al complemento di termine con una preposizione (normalmente o to o for).

SUBJECTVERBDIR. OBJECTPREP.IND. OBJECT
The school
La scuola
gave
diede
a prize
un premio
to
al
the winner
vincitore
My brother
Mio fratello
has lent
ha prestato
his car
la sua macchina
to
a
Lucy
Lucy
The manager
Il direttore
offered
offrì
a free lunch
un pranzo gratis
to
agli
the guests.
ospiti
Tom
Tom
has bought
ha comprato
a car
una macchina
for
per
his daughter.
sua figlia
My mother
Mia madre
made
ha fatto
a cake
una torta
for
per
the children
i ragazzi
Jane
Jane
found
trovò
a nice hotel
un bell’albergo
for
per
us
noi

Questa seconda costruzione inverte i due complementi mettendo per primo il complemento di termine e poi il complemento oggetto. In questo modo viene eliminata la preposizione. Questa costruzione è molto usata, a maggior ragione quando il complemento di termine è un pronome come nell’ultimo esempio sotto.

SUBJECTVERBINDIRECT OBJECTDIRECT OBJECT
The school
La scuola
gave
diede
the winner
al vincitore
a prize
un premio
My brother
Mio fratello
has lent
ha prestato
Lucy
a Lucy
his car
la sua macchina
The manager
Il direttore
offered
offrì
the guests
agli ospiti
a free lunch
un pranzo gratis
Tom
Tom
has bought
ha comprato
his daughter
per sua figlia
a new car
una macchina nuova
My mother
Mia madre
made
ha fatto
the children
per i ragazzi
a cake
una torta
Jane
Jane
found
trovò
us
per noi (ci ha trovato)
a nice hotel
un bell’albergo

N.B. L’ultimo esempio è l’unico caso in cui l’italiano rispecchia un po’ la costruzione inglese mettendo però il complemento di termine pronome prima ancora del verbo (ci ha trovato) e così eliminando la preposizione.

N.B.2. Nel caso di due pronomi complemento non si può usare questa seconda costruzione in quanto non verrebbe fuori una comprensione immediata:

  • The secretary gave us it. ❎
  • The secretary gave it to us. ✅
  • Ce l’ha dato il segretario.

N.B.3. Si può approfondire l’argomento dei ditransitive verbs QUI.


[SUBJECTVERBOBJECT] – [MANNERPLACETIME]

Così arriviamo al ‘famoso’ acronimoSVOMPT: un promemoria per l’ordine delle parole più tipico in inglese. L’acronimo è divisibile in due partiSVO– il cuore della frase, la parte essenziale, eMPT– gli avverbi annessi (e facoltativi) di manner (modo), place (luogo) e time (tempo). Non è tanto comune trovare tutti e tre gli avverbi nella stessa frase, ma può capitare.

SVOMPT
Neil
Neil
wrote
scrisse
the letter
la lettera
at once
subito
Claire
Claire
put
mise
the fish
il pesce
in the oven
nel forno
Jack
Jack
eats
mangia
chicken
pollo
on Fridays
il venerdì
Peter
Peter
stirred
mescolò
the sauce
il sugo
slowly
lentamente
in the pan
nella pentola
Lucy
Lucy
bought
comprò
the lamp
il lume
in London
a Londra
last month
il mese scorso
Tom
Tom
closes
chiude
the gate
il cancello
carefully
con cura
at night
di notte
Jane
Jane
threw
gettò
the bill
il conto
quickly
velocemente
into the bin
nel bidone
after dinner
dopo cena
Alan
Alan
took
portò
the boys
i ragazzi
straight
dritto
to the pub
al pub
that evening
quella sera

N.B. È possibile cambiare la posizione degli avverbi di manner (modo), place (luogo) e time (tempo). Per esempio si può iniziare una frase con uno dei tre avverbi. Tuttavia, questo si fa normalmente con lo scopo di mettere l’avverbio in rilievo o di movimentare il proprio discorso. Senza un motivo valido è più sensato rimanere con l’ordine prestabilito.

N.B.2. Si consiglia di leggere molto in inglese, in modo da familiarizzare con tutte le possibili varianti della costruzione tipica della frase, prima di sperimentare con l’ordine delle parole!

Author: Tony

Born and raised in Malaysia between Kuala Lumpur and Singapore. Educated at Wycliffe College in Stonehouse, Gloucestershire, England. Living in the foothills of Mount Etna since 1982 and teaching English at Catania University since 1987.

Partecipa anche tu!

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.