Master Translator: Exercise 16

proposizioni temporali al futuro
• intermediate •

(lezione)

  1. Quando scopriranno chi l’ha fatto, lo puniranno.
  2. Non appena si farà buio, accenderemo un falò.
  3. Quando tutti saranno tornati, pranzeremo.
  4. Lo spegnerò quando il film comincerà.
  5. Dove li comprerai quando questo negozio si chiuderà?
  6. Ti aiuterò non appena avrò finito la mia lezione.
  7. Sapremo cosa fare quando usciranno i risultati.
  8. Cosa farete con questa stanza quando Bob si sposerà?
  9. Non appena mi sentirò meglio, faremo una vacanza in Irlanda.
  10. Cominceremo a fare il vino quando avremo raccolto tutta l’uva.
  11. Quando la vedrò, sono sicuro che la ricorderò.
  12. Sarete ancora qui quando i ragazzi torneranno dalla scuola?
  • Se vuoi un riscontro diretto, lascia le tue versioni nei commenti.
  • Altrimenti aspetta che pubblico le mie versioni tra qualche giorno.
  • Non guardare i commenti degli altri se non vuoi farti influenzare.

BUON LAVORO!


Troubled times

Piccole letture in chiave umoristica e/o filosofica

[per sapere il significato delle parole evidenziate,
passaci sopra con il mouse senza cliccare]

It was a cold, wet night and the wind was whispering in the treetops.
The Past, the Present and the Future slipped silently out of the shadows and walked into the bar.
It was a tense moment.

[read more stories]


Lost in Translation (3)

Hmmm… sto sbagliando qualcosa?

INTERMEDIATE
Se pensi che ci sia qualche errore, scrivi la tua versione nei commenti.
Non tarderò a rispondere.

APPUNTI GRAMMATICALI
QUI


Which future?

WHICH FUTURE?

La scelta della forma futura più adatta per una frase dipende moltissimo dal contesto in cui la frase viene utilizzata e spesso anche dal taglio che l’interlocutore vuole dare al messaggio. Di conseguenza un esercizio come questo che è privo di un contesto reale può diventare un po’ problematico. Tuttavia ritengo che sia utile. Bisogna, però, affrontare ogni frase costruendosi un contesto imaginario che permette di individuare la forma più idonea, soprattutto quando più di una forma sarebbe possibile (ricorda che il present continuous è quasi sempre preferito al ‘going to’ quando la frase lo permette). Si consiglia per chi non è familiare con le quattro forme basi per il tempo futuro in inglese, la lettura dell’articolo che si trova QUI. Le soluzioni sono in fondo alla pagina.


EXERCISE 1

Traduci le seguenti frasi dall’italiano all’inglese cercando di utilizzare la forma del futuro che più si addice alla situazione immaginaria.

  1. “Costruiranno un albergo qui.”
  2. “Chiedi a Jill. Ti aiuterà.”
  3. “Luca non lavora la prossima settimana.”
  4. “Non telefonare alle 2.00. Non saremo a casa.”
  5. “Il concerto sta per iniziare.”
  6. “Non credo che il Milan vincerà.”
  7. “Restate a casa stasera?”
  8. “Credi che pioverà questo fine settimana?”
  9. “Domani alle 9.00 saremo a Vienna.”
  10. “Ti ricorderai di mandarmi una cartolina?”
  11. “L’aereo parte nel pomeriggio.”
  12. “Tom non sarà in ufficio domani. Va a Londra.”
  13. “Inviterai molta gente alla tua festa?”
  14. “Mi dispiace. Non succederà più.” (più = again)
  15. “Uscite voi stasera? Noi andiamo al cinema.”
  16. “Penso che Luigi non verrà.” (I don’t think…)
  17. “Siamo in ritardo! Perderemo il treno!” (perdere = to miss)
  18. “Guido io. Tu sei troppo stanco.”
  19. “Dove passerete le vacanze di Natale?” (passare = to spend)
  20. “Credo che guarderò un film stasera.”
  21. “La partita finisce alle 4.30 questo pomeriggio.”
  22. “Che cosa farà Lara dopo l’università?” – “Cercherà un lavoro.”
  23. “Non ti alzare. Lavo io i piatti.”

EXERCISE 2

Metti i verbi che trovi tra parentesi nella forma del futuro che più si addice alla situazione immaginaria.

  1. “You (go) out this evening?” – “No, I’m too tired.”
  2. “Don’t drink coffee before you go to bed. You (not sleep).”
  3. “We (go) to a concert this evening. It (start) at 7.30.”
  4. “Aren’t you ready yet?” – “Not yet. I (be) ready in five minutes.”
  5. “Do you know about Sally? She (get) married next month!”
  6. “It (not rain) so you don’t need to take an umbrella.”
  7. “My parents (go) on holiday next month.” – “Really! Where they (go)?”
  8. “Go to bed early and you (feel) better in the morning.”
  9. “Silvia is doing an English course. It (finish) on Friday.”
  10. “It’s Bob’s birthday tomorrow. He (be) twenty-five.”
  11. “There’s a football match tomorrow but I (not go).”
  12. “I’m sorry I was late this morning. It (not happen) again.”
  13. “I (go) out with some friends tonight. We (meet) at John’s house at 8 o’clock.”
  14. “I want some fresh air. I think I (go) for a walk after lunch.”
  15. “How you (get) home after the party tomorrow? The last bus (leave) at midnight.”
  16. “There’s no milk for breakfast tomorrow.” – “Don’t worry. I (buy) some on my way home.”
  17. “Do you want to go to the cinema tonight?” – “Yes, what time the film (begin)?
  18. “This letter is for Rosie.” – “OK. I (give) it to her.”
  19. “What you (do) next Monday afternoon?” – “I (work).
  20. “I (play) bridge tonight with Alan and Jill.”
  21. “I’m sure that I (recognise) her.”
  22. “Did you remember to book seats?” – “No, I forgot. I (telephone) now.”
  23. “We (have) some friends to lunch tomorrow.”
  24. “I (see) her tomorrow.”
  25. “John (bring) me his old piano this afternoon.” – “Really! Where you (put) it?”
  26. “We (know) tonight.”
  27. “You (go) to the auction (asta) tomorrow?” – “Yes, I (go), but I (not buy) anything.”
  28. “I told her three times yesterday. I (not tell) her again today.”
  29. “He (play) in a tennis match on Friday.”
  30. “My nephew (come) to stay with me next weekend.” – “Which room you (give) him?”
  31. “He (not believe) it.”
  32. “I (spend) a few days in Wincanton next week.”
  33. “He has gone to hospital with a broken leg.” – “I’m sorry to hear that. I (send) him a card.”
  34. “I (move) to a new flat next week.”
  35. “John’s father (build) a new garage here.”
  36. “I can’t understand this letter. It’s in German” – “”I (call) my son. He (translate) it for you.”
  37. “When you (meet) them?”
  38. “What you (tell) the police? – “I (tell) them the truth.” (la verità)
  39. “You (have) another cup of coffee?” – “No, thank you.”
  40. “He (start) tomorrow.”
  41. “When you (have) your next lesson?” – “I (have) it on Monday.”
  42. “I (give) him a football for his next birthday.”
  43. “Look what I bought in the sales (saldi)!” – “What a strange thing! Where you (put) it?”
  44. “He (wash) the car?”
  45. “Did you know that France (play) against England on Saturday?”
  46. “You (eat) it raw (crudo)? You (be) ill.”
  47. “Why are you cutting those mushrooms?” – “I (put) them in the sauce.”
  48. “You (tidy) (ordinare) the garage?” – “Yes, you (help) me?”
  49. “The inspector (ask) you a few questions.”
  50. “How do I get from here to London Bridge?” – “I don’t know, but I (ask) that policeman.”
  51. “I (compete) in the bicycle race tomorrow.”
  52. “I’m sure that you (like) her.”
  53. “My brother came back from Spain this morning” – “Oh good, we (invite) him to our next party.”
  54. “He (leave) in a few days.”
  55. “What you (do) when you grow up?” – “I (be) an actress.”
  56. “You (open) the door for me, please?”
  57. “You look frozen. Sit down and I (make) you a cup of tea.”
  58. “Don’t worry. I (not forget).”
  59. “Mr Pitt said that he (not come) back until Wednesday evening.”
  60. “What you (do) with all the money?”

ATTENZIONE
VERSIONE CORRETTA QUI SOTTO

right-wrong
down-arrows
down-arrows

EXERCISE 1

1. “They’re going to build a hotel here.”
(intentional future: chi lo dice è informato e in più non c’è l’avverbio di tempo futuro)

2. “Ask Jill. She’ll help you.”
(constatazione soggettiva: esprime il parere di chi parla)

3. “Luca isn’t working next week.”
(diary future: chi lo dice è informato e c’è l’avverbio di tempo futuro)

4. “Don’t call at 2:00. We won’t be at home.”
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)

5. “The concert is going to start.”
(previsione oggettiva: dichiarazione basata su segni visibili)

6. “I don’t think Milan will win.”
(previsione soggettiva: secondo chi parla il Milan non vincerà)

7. “Are you staying at home this evening?”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri)

8. “Do you think it will rain this weekend?”
(previsione soggettiva: secondo te, pioverà?)

9. “Tomorrow at 9:00 we’ll be in Vienna.”
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)

10. “Will you remember to send me a postcard?”
(previsione soggettiva: credi che ricorderai?)

11. “The plane leaves in the afternoon.”
(timetable future: partenze e arrivi con il present simple)

12. “Tom won’t be in the office tomorrow. He’s going to London.”
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)
(diary future: la partenza per Londra è programmata)

13. “Are you going to invite many people to your party?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

14. “I’m sorry. It won’t happen again.”
(promesse e rifiuti: si presenta come una promessa)

15. “Are you going out this evening? We’re going to the cinema.”
(diary future: domanda e risposta che riguardano programmi)

16. “I don’t think Luigi will come.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

17. “We’re late! We’ll miss the train!”
(previsione soggettiva: parere di chi parla)

“We’re late! We’re going to miss the train!”
(previsione oggettiva: parere basato su dati reali)

18. “I’ll drive. You’re too tired.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

19. “Where are you spending your Christmas holidays?”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri)

“Where are you going to spend your Christmas holidays?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

20. “I think I’ll watch a film this evening.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

21. “The match finishes at 4.30 this afternoon.”
(timetable future: inizi e fini con il present simple)

22. “What’s Lara going to do after university?” “She’s going to look for a job.”
(intentional future: domanda e risposta che riguardano intenzioni)

23. “Don’t get up. I’ll wash the dishes/plates.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)


EXERCISE 2

 1. “Are you going out this evening?” – “No, I’m too tired.”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri)
Are you going to go out this evening?” – “No, I’m too tired.”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

2. “Don’t drink coffee before you go to bed. You won’t sleep.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

3. “We’re going to a concert this evening. It starts at 7.30.”
(diary future: l’uscita per il concerto è programmata)
(timetable future: inizio e fine con il present simple)

4. “Aren’t you ready yet?” – “Not yet. I’ll be ready in five minutes.”
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)

5. “Do you know about Sally? She is getting married next month!”
(diary future: il matrimonio è programmato)

6. “It won’t rain so you don’t need to take an umbrella.”
(previsione soggettiva: parere di chi parla)

7. “My parents are going on holiday next month.” – “Really! Where are they going?”
(diary future: la vacanza è programmata)

8. “Go to bed early and you’ll feel better in the morning.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

9. “Silvia is doing an English course. It finishes on Friday.”
(timetable future: inizio e fine con il present simple)

10. “It’s Bob’s birthday tomorrow. He’ll be twenty-five.”
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)

11. “There’s a football match tomorrow but I’m not going.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)
“There’s a football match tomorrow but I’m not going to go.”
(intentional future: chi parla non intende andarci)

12. “I’m sorry I was late this morning. It won’t happen again.”
(promesse e rifiuti: si presenta come una promessa)

13. “I’m going out with some friends tonight. We’re meeting at John’s house at 8 o’clock.”
(diary future: uscita già programmata da parte di chi parla)

14. “I want some fresh air. I think I’ll go for a walk after lunch.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

15. “How are you getting home after the party tomorrow? The last bus leaves at midnight.”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri)
(timetable future: partenze e arrivi con il present simple)
“How are you going to get home after the party tomorrow?
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

16. “There’s no milk for breakfast tomorrow.” – “Don’t worry. I’ll buy some on my way home.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

17. “Do you want to go to the cinema tonight?” – “Yes, what time does the film begin?”
(timetable future: inizio e fine con il present simple)

18. “This letter is for Rosie.” – “OK. I’ll give it to her.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

19. “What are you doing next Monday afternoon?” – “I’m working.”
(diary future: domanda e risposta che riguardano programmi)

20. “I’m playing bridge tonight with Alan and Jill.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)

21. “I’m sure that I’ll recognise her.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

22. “Did you remember to book seats?” – “No, I forgot. I’ll telephone now.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

23. “We are having some friends to lunch tomorrow.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)

24. “I’m seeing her tomorrow.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)
“I’m going to see her tomorrow.”
(intentional future: chi parla intende vederla ma non è programmato)

25. “John is bringing me his old piano this afternoon.” – “Really! Where are you going to put it?”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

26. “We will know tonight.”
(constatazione oggettiva: non è né programmato né intenzionale)

27. “Are you going to the auction tomorrow?” – “Yes, I’m going, but I’m not going to buy anything.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla tranne alla fine dove è più intenzionale)

28. “I told her three times yesterday. I won’t tell her again today.”
(promesse e rifiuti: si presenta come un rifiuto)

29. “He is playing in a tennis match on Friday.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)

30. “My nephew is coming to stay with me next weekend.” – “Which room are you going to give him?”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

31. “He won’t believe it.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

32. “I’m spending a few days in Wincanton next week.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)

33. “He has gone to hospital with a broken leg.” – “I’m sorry to hear that. I’ll send him a card.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

34. “I’m moving to a new flat next week.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)

35. “John’s father is going to build a new garage here.”
(intentional future: chi lo dice è informato e in più non c’è l’avverbio di tempo futuro)

36. “I can’t understand this letter. It’s in German” – “I’ll call my son. He’ll translate it for you.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

37. “Where are you meeting them?”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri)
N.B. Il senso del futuro lo da il pronome interrogativo ‘when’)

38. “What are you going to tell the police? – “I’ll tell them the truth.”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)
“I’m going to tell them the truth.”
(intentional future: chi parla ha avuto già il tempo per riflettere)

39. “Will you have another cup of coffee?” – “No, thank you.”
(offerte e richieste: offerta da parte di chi parla)

40. “He starts tomorrow.”
(timetable future: inizio e fine con il present simple) formale
“He’s starting tomorrow.”
(diary future: già programmato) informale

41. “When are you having your next lesson?” – “I’m having it on Monday.”
(diary future: domanda che riguarda i programmi di altri / futuro implicito con ‘when’)
(diary future: il giorno della lezione è già programmato)

42. “I’m giving him a football for his next birthday.”
(diary future: già programmato da parte di chi parla)
“I’m going to give him a football for his next birthday.”
(intentional future: chi parla ha questa intenzione)

43. “Look what I bought in the sales!” – “What a strange thing! Where are you going to put it?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)
“Where will you put it?”
(previsione soggettiva: dove prevedi di metterlo?)
N.B. secondo chi parla, chi l’ha comprato non ha avuto il tempo per pensare a dove metterlo.

44. “Is he going to wash the car?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)

45. “Did you know that France is playing against England on Saturday?”
(diary future: la partita è già programmata)

46. “Are you going to eat it raw (crudo)? You’ll be ill.”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)
(il verbo ‘to be’: tende sempre a preferire l’uso di ‘will’)

47. “Why are you cutting those mushrooms?” – “I’m going to put them in the sauce.”
(intentional future: chi parla ha questa intenzione)

48. “Are you going to tidy the garage?” – “Yes, will you help me?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)
(offerte e richieste: richiesta di aiuto)

49. “The inspector is going to ask you a few questions.”
(intentional future: chi lo dice conosce le intenzioni dell’ispettore) informale
“The inspector will ask you a few questions.”
(constatazione oggettiva: comunica semplicemente la prassi) formale

50. “How do I get from here to London Bridge?” – “I don’t know, but I’ll ask that policeman.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

51. “I’m competing in the bicycle race tomorrow.”
(diary future: la gara è già programmata)

52. “I’m sure that you’ll like her.”
(constatazione soggettiva: parere di chi parla)

53. “My brother came back from Spain this morning” – “Oh good, we’ll invite him to our next party.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

54. “He’s leaving in a few days.”
(diary future: la partenza è già programmata) informale
“He leaves in a few days.”
(timetable future: partenze e arrivi con il present simple) formale

55. “What are you going to do when you grow up?” – “I’m going to work with animals.”
(intentional future: domanda e risposta che riguardano intenzioni)

56. “Will you open the door for me, please?”
(offerte e richieste: richiesta da parte di chi parla)

“57. You look frozen. Sit down and I’ll make you a cup of tea.”
(futuro spontaneo: decisione presa sul momento)

58. “Don’t worry. I won’t forget.”
(promesse e rifiuti: si presenta come una promessa)

59. “Mr Pitt said that he isn’t coming back until Wednesday evening.”
(diary future: la data del ritorno è già programmata)

60. “What are you going to do with all the money?”
(intentional future: domanda che riguarda le intenzioni di altri)
“What will you do with all the money?”
(previsione soggettiva: cosa prevedi di fare?)
N.B. secondo chi parla, chi ha ricevuto il denaro non ha avuto il tempo per pensare a cosa farne.


Return to the future: an introduction

“The best thing about the future is that it comes one day at a time.”
(La cosa migliore del futuro è che viene un giorno alla volta
.)
~ Abraham Lincoln ~

Il futuro, si sa, è sfaccettato ed elusivo. Può essere immaginato, voluto, sperato, ipotizzato, opinato, previsto, programmato, intenzionato o persino inevitabile. La lingua inglese, a modo suo, cerca di riflettere queste sfaccettature con l’uso di forme verbali diverse, alcune prese in prestito da altri campi e altre forgiate appositamente. L’unica vera difficoltà con queste forme verbali, abbastanza semplici e poco impegnative a livello di memoria, è quella di capire come e quando vengono usate e familiarizzarsi con le differenze, a volte nette, a volte sottili, tra di loro. Per semplificare la questione prendiamo in considerazione le quattro forme più usate con le quali si può tranquillamente affrontare praticamente ogni evenienza della vita quotidiana.


TIMETABLE FUTURE

FORMA: present simple + avverbio di tempo al futuro

Prima vediamo il cosidetto futuro da tabella oraria. Come si evince dalla forma, si tratta di un vero e proprio sequestro di forma e conversione dal presente al futuro tramite l’avverbio di tempo al futuro. Una forzatura si potrebbe dire, ma che rispecchia perfettamente quello che si fa ogni giorno anche in italiano, basta pensare a frasi del tipo: “Parto domenica”, oppure, “Cosa fai domani?”. Convertire il presente indicativo in futuro attraverso l’avverbio di tempo è una pratica comunissima in italiano e quindi non dovrebbe creare problemi. Però attenzione: si chiama timetable future per un motivo ben preciso. Laddove in italiano non ci sono limiti all’utilizzo di questo espediente per esprimere il futuro, in inglese ha un campo di utilizzo limitato strettamente proprio al concetto della tabella oraria. In termini pratici questo significa che viene usato quasi esclusivamente in solo TRE campi:

  • partire / arrivare ~ aereo, treno, pullman, autobus, nave, traghetto ecc.
  • aprire / chiudere ~ negozio, ufficio, museo, galleria, ristorante ecc.
  • iniziare / finire ~ spettacolo, film, corso, scuola, conferenza, partita, festa ecc.

Ovviamente i verbi usati possono anche essere altri ma il campo di utilizzo è quasi sempre uno di questi tre. Un’altra caratteristica di questa forma del futuro è che si tratta quasi sempre di un evento pubblico che non dipende dalla persona che parla. Vediamo alcuni esempi pratici:

  • The bus leaves at 6.00 on Friday morning.
  • L’autobus parte (partirà) alle 6.00 venerdì mattina.
  • What time does the plane arrive in London? (tempo futuro sottinteso nella domanda)
  • A che ora arriva l’aereo a Londra?
  • The museum opens at 10.00 tomorrow morning.
  • Il museo apre alle 10.00 domani mattina.
  • What time do the shops close this afternoon.
  • A che ora chiudono i negozi oggi pomeriggio?
  • The English course starts on 5th September.
  • Il corso di inglese comincia il 5 settembre.
  • What time does the film finish tomorrow evening?
  • A che ora finisce il film domani sera?

In realtà l’uso del present simple per questo tipo di futuro segue una logica in quanto l’evento in questione è un evento che si ripete nel tempo, quindi è un evento abituale (tipico del present simple) anche se a chi parla interessa solamente un evento specifico nel futuro.


DIARY FUTURE

FORMA: present continuous + avverbio di tempo al futuro

Anche in questo caso ci ritroviamo con un sequestro di forma e conversione dal presente al futuro tramite l’avverbio di tempo al futuro; questa volta però viene utilizzato il present continuous. Si tratta di una variante del timetable future con, però, un campo di utilizzo molto meno ristretto e molto più personale. In questo caso viene definito diary future perché si usa per parlare di eventi programmati, stabiliti, concordati, organizzati: il tipo di evento che si andrebbe ad annotare, appunto, in un’agenda. Usatissimo nella prima persona per parlare dei propri progetti futuri, trova utilizzo anche nella seconda e terza persona per comunicare i progetti di altri o per chiedere dei progetti degli altri (forma interrogativa). Vediamo alcuni esempi pratici:

  •  I’m playing tennis with Bob on Sunday morning.
  • Gioco (giocherò) a tennis con Bob domenica mattina.
  • What are you doing this week end?
  • Cosa fai (cosa farai) questo fine settimana?
  • Jane isn’t working next week. (chi lo dice conosce i programmi di Jane)
  • Jane non lavora (non lavorerà) la settimana prossima.
  • We’re having lunch with Bob and Jane on Saturday.
  • Pranziamo (pranzeremo) con Bob e Jane Sabato.
  • Are you seeing the doctor tomorrow or on Thursday?
  • Vedi (vedrai) il medico domani o Giovedì?
  • Tom and Anne are going to the cinema tomorrow evening.
  • Tom e Anne vanno (andranno) al cinema domani sera.

N.B.

Quando i verbi indicati nel timetable future vengono personalizzati, si può usare sia l’una che l’altra di queste prime due forme. Il present simple darà un suono un po’ più formale alla frase, mentre il present continuous sembrerà più discorsivo:

  • Bob starts his new job on Monday / Bob’s starting his new job on Monday.
  • Bob comincia (comincerà) il suo nuovo lavoro lunedì.
  • Jane leaves tomorrow afternoon / Jane’s leaving tomorrow afternoon.
  • Jane parte (partirà) domani pomeriggio.

INTENTIONAL FUTURE

FORMA: to be + “going” + infinito (to be going to)

Qui si tratta di una forma che si basa su elementi riciclati: il verbo essere e il gerundio going. La formula completa prevede il verbo essere come ausiliare onnipresente (aff, neg, int), il gerundio going in modo fisso e invariabile (che segnala il futuro e non va tradotto), e l’infinito completo (con la particella to) del verbo principale. Una forma, dunque, che si elabora in tre parti, un tantino complesso, ma che non prevede nuovi elementi da memorizzare. Affettuosamente conosciuto come going to, questa forma viene usata per esprimere l’intenzione di compiere un’azione futura. L’intenzione è sempre implicitamente premeditata: già mentalmente elaborata anche se non ancora programmata come nel caso del diary future. Chiaramente non c’è sempre una linea di demarcazione netta tra un futuro intenzionale e un futuro programmato, e infatti, la scelta tra queste due forme resta a volte a discrezione di chi parla e come si vuole esprimere, soprattutto nel campo dei viaggi. Bisogna tenere presente però che con going to un avverbio di tempo futuro non è d’obbligo nella frase in quanto la formula è esclusivamente una forma futura e non può essere fraintesa. Vediamo alcuni esempi pratici:

  •  I’m going to do these exercises tomorrow.
  • Farò (ho intenzione di fare) questi esercizi domani.
  • Bob’s going to plant a cherry tree here.
  • Bob pianterà (ha intenzione di piantare) un ciliegio qui. (chi lo dice conosce le intenzioni di Bob)
  • You aren’t going to lend him more money, are you?
  • Non gli presterai (non hai intenzione di prestargli) ancora denaro, vero?
  • What are you going to do with all these old boxes?
  • Cosa farai (hai intenzione di fare) con tutte queste vecchie scatole?
  • We’re going to retire to the country at the end of the year.
  • Ci ritireremo (abbiamo intenzione di ritirarci) in campagna alla fine dell’anno.
  • Jane isn’t going to buy my car.
  • Jane non comprerà (non ha intenzione di comprare) la mia macchina.

Questa forma viene usato anche per esprimere le nostre previsioni per il futuro a patto che esse si basano su dati acquisiti e non siano puramente speculative. Quando l’avvenimento futuro è molto imminente, si può benissimo tradurre anche con la formula italiana stare per:

  • I’m going to sneeze. (sento già il solettico nel naso)
  • Sto per starnutire.
  • It’s going to rain. (vedo le nuvole nere)
  • Sta per piovere.
  • We’re going to get wet. (non abbiamo l’ombrello)
  • Ci bagneremo.

N.B.

Nella forma interrogativa – una forma che non fornisce informazione ma la chiede – la differenza tra un futuro intenzionale e un futuro programmata è di poca importanza. Di conseguenza, la scelta è ancora più libera e la tendenza è di utilizzare la forma più sintetica (present continuous), sempre se c’è un avverbio di tempo al futuro che la permette!

  • What are you going to do this evening? ~ cosa hai intenzione di fare stasera?
  • What are you doing this evening? ~ cosa hai in programma per stasera?

Entrambe le domande vanno bene e cambia poco quale scegliamo in quanto ciò che ci interessa realmente è la risposta e non la domanda. In questo caso un inglese probabilmente sceglierebbe la forma più sintetica.


FUTURE SIMPLE

FORMA: will + infinito (senza la particella to)

Così arriviamo al future simple, l’unica forma delle quattro che usufruisce di un ausiliare creato appositamente ed esclusivamente per questo lavoro: will. Presentare will, però, come la vera forma futura in inglese, per quanto vero in un certo senso, può essere alquanto fuorviante. Può dare l’impressione che il futuro si può fare sempre con will e invece non è affatto così. Le tre forme già esaminate sono ugualmente importanti e anche molto usate, e ognuno di loro svolge un ruolo ben preciso (con qualche sovrapposizione a volte). E allora cosa fa will che le altre forme non fanno? Bene, paradossalmente potremo dire che will fa tutto quello che le altre forme non fanno. Sarebbe, però, un modo un po’ riduttivo per definire l’uso di will anche se effettivamente vero. Vediamo allora, uno per uno, i modi in cui viene usato l’ausiliare will per il futuro, tenendo presente che a volte può trattarsi di un evento molto più vicino al presente che non al futuro.


🔵 CONSTATAZIONE OBIETTIVA (fatti)

Uno degli usi più importanti di will è per esprimere un futuro che è completamente slegato dalla volontà di chi parla. Possiamo vedere questo tipo di frase come una specie di constatazione obiettiva. Più delle volte, per ovvi motivi, questo uso di will si trova nella terza persona:

  • Spring will come again.
  • La primavera tornerà.
  • This software won’t work on an old computer.
  • Questo software non funzionerà su un vecchio computer.
  • How much will all this cost?
  • Quanto costerà tutto questo?
  • These plants will die without water.
  • Queste piante moriranno senza acqua.
  • That shelf won’t be strong enough for all these books.
  • Quella mensola non sarà abbastanza robusta per tutti questi libri.
  • What will Bob’s new job involve?
  • Cosa comporterà il nuovo lavoro di Bob?

🔵 CONSTATAZIONE SOGGETTIVA (opinioni)

Molto simile all’appunto qui sopra, l’unica differenza è che in questo caso la constatazione esprime un punto di vista personale, un’opinione e non un fatto. A volte la differenza tra fatto e opinione è poco marcata, ma in ogni caso non importa nel momento in cui entrambi utilizzano la stessa forma. Bisogna tenere presente che quando usiamo will per esprimere un’opinione, diamo alla frase un effetto di assoluta certezza (come se fosse un fatto). Per mitigare questo effetto e/o personalizzare maggiormente la frase possiamo usare diversi inserimenti: I think…, I believe…, I hope…, I imagine…, I’m sure…, it’s possible that…, probably, maybe, perhaps ecc. Con la constatazione soggettiva comprendiamo anche la previsione soggettiva, cioè una previsione intuitiva che non si basa su dati acquisiti. Inoltre troviamo più spesso anche la seconda persona.

  • I think Bob will sell his house and move to New Zealand.
  • Penso che Bob venderà la sua casa e si trasferirà in Nuova Zelanda.
  • Jane probably won’t understand the technical aspects of the project.
  • Probabilmente Jane non capirà gli aspetti tecnici del progetto.
  • Will your parents help us with the payments?
  • I tuoi genitori ci aiuteranno con i pagamenti? (chiedo la tua opinione)
  • I’m sure you’ll enjoy the film. It’s wonderful.
  • Sono sicuro che ti piacerà il film. È meraviglioso.
  • I don’t think they’ll believe you. (il negativo sul primo verbo e non il secondo)
  • Non penso che ti crederanno.
  • Will Bob look after my dog this summer?
  • Bob si prenderà cura del mio cane quest’estate? (chiedo la tua opinione)

 🔵 FUTURO SPONTANEO (prima persona)

Quest’uso di will tende a creare qualche problema perché non trova un’equivalenza temporale in italiano. Si tratta di un futuro della prima persona dove chi parla decide di compiere un’azione futura senza averci pensato prima: in modo dunque spontaneo. Di solito quest’uso nasce da una situazione che si è verificata nel presente o in base a qualcosa che qualcuno ha appena detto. In italiano si usa il presente indicativo ed è questo che crea il problema quando si traduce. Viene illustrato meglio con dei mini dialoghi:

  • “Is that the phone?” ~ È il telefono?
  • “Yes it is. I’ll answer it.” ~ Si. Rispondo io.
  • “This suitcase is heavy!” ~ Questa valigia è pesante.
  • “I’ll carry it for you if you want.” ~ Te la porto io se vuoi.
  • “I’ve got to go out again.” ~ Devo uscire di nuovo.
  • Don’t worry. We’ll get lunch ready.” ~ Non ti preoccupare. Prepariamo noi il pranzo.
  • “I’m afraid you can’t come in.” ~ Temo che non possiate entrare.
  • OK. We’ll wait here.” ~ Va bene. Aspettiamo qua.

 🔵 PERIODO IPOTETICO (primo tipo)

Il periodo ipotetico di primo tipo utilizza una formula che comprende will e precisamente: if + present simple + future simple. Dei tre tipi base di periodo ipotetico in inglese, la first conditional è quella più fondata nella ‘realtà’, quella dove l’ipotesi (if) è una congettura decisamente possibile (present simple) e la conseguenza (future simple) ha delle buone probabilità di verificarsi:

  • If I see Bob, I will tell him about the meeting.
  • Se vedrò Bob, gli dirò della riunione.
  • I will call you, if I need your help.
  • Ti chiamerò se avrò bisogno del tuo aiuto.
  • If Anne does the shopping, I will make the dinner.
  • Se Anne farà la spesa, io preparerò la cena.
  • Jane will help Bob, if he asks her.
  • Jane aiuterà Bob, se le lo chiede.

 🔵 PROPOSIZIONE TEMPORALE

La proposizione temporale in inglese sfrutta una costruzione uguale a quella appena illustrata con la differenza che si usa when al posto di if. Un errore molto comune in questo caso è quello di utilizzare il future simple dopo when invece del present simple. Bisogna ricordare che con when ci sta l’azione che deve verificarsi per prima (present simple) dopodiché l’altra azione potrà verificarsi (future simple). Per creare un maggiore distacco temporale tra le due azioni a volte si usa il present perfect (futuro anteriore in italiano) al posto del present simple:

  • When I get to London, I’ll call you.
  • Quando arriverò a Londra, ti chiamerò. (Quando arrivo a Londra, ti chiamo.)
  • I’ll give Bob the money when I see him.
  • Darò i soldi a Bob quando lo vedrò. (Darò i soldi a Bob quando lo vedo.)
  • When we’ve cleaned everything, we’ll repaint the walls.
  • Quando avremo pulito tutto, ridipingeremo le pareti.
  • The teacher will publish the results when he has finished marking.
  • Il professore ci darà i risultati quando avrà finito di correggere.

 🔵 PROMESSE E RIFIUTI

Si può usare will anche per dare una certa enfasi a quello che diciamo e di conseguenza serve benissimo per promettere di compiere un’azione o per rifiutare di compiere un’azione. Se si vuole aggiungere maggiore enfasi non si usa la forma contratta nell’affermativa e si mette tutto l’accento proprio sull’ausiliare will oppure won’t. Anche qui, per ovvi motivi, l’uso principale si trova nella prima persona, ma a volte si usa la forma negativa anche con oggetti inanimati come se avessero la volontà di rifiutare di fare quello che dovrebbero fare (vedi l’ultimo esempio):

  • I’ll buy you a new bicycle for your birthday.
  • Ti comprerò una nuova bicicletta per il tuo compleanno.
  • I’ve told you once and I won’t tell you again!
  • Te l’ho detto una volta e non te lo dirò più!
  • We’ll take you to the concert after work on Friday.
  • Ti porteremo al concerto dopo il lavoro, venerdì.
  • The car won’t start!
  • La macchina non parte! (La macchina si ‘rifiuta’ di partire.)

 🔵 OFFERTE E RICHIESTE

Nella forma affermativa will si presta come un’altro modo di offrire o di chiedere qualcosa. A volte può risultare una forma leggermente formale.

  • Will you have some tea?
  • Prenderai un po’ di tè? (Vorresti un po’ di tè?)
  • Will you join us for lunch later?
  • Ti unisci a noi per pranzo più tardi?
  • Will you hold this bag for me, for a moment?
  • Mi terresti questa borsa per un momento?
  • Will you do these photocopies for me, please?
  • MI faresti queste fotocopie, per favore?

 🔵 IL VERBO “TO BE”

Come sempre in inglese, il verbo “to be” si comporta in modo eccentrico. In questo caso preferendo (quasi sempre) l’uso di will al posto del present continuous o del going to anche quando si tratta di azioni programmate, premeditate o intenzionali.

  • We’ll be in Vienna at 5:00 tomorrow afternoon.
  • Saremo a Vienna alle 17:00 domani pomeriggio.
  • Bob won’t be in the office tomorrow. He’s leaving for Rome this evening.
  • Bob non sarà in ufficio domani. Parte per Roma stasera.
  • Will you be at home later?
  • Sarai a casa più tardi?

A questo punto potrebbe essere utile approfondire con le seguenti schede didattiche:

Present Simple ~ “futuro da tabella oraria”
Present Continuous ~ “futuro da agenda”

To be going to ~ “futuro intenzional”
To be going to ~ “previsione oggettiva”

Future Simple (will) ~ “decisione istantanea”
Future Simple (will) ~ “dato di fatto”
Future Simple (will) ~ “parere personale / previsione soggettiva”


Oppure, se ti senti già pronto, prova a fare l’esecizio QUI.



Ingliando Voluntary Contributions

Contributo volontario ai servizi di istruzione di Ingliando.

€5.00



%d bloggers like this: