RSS

Archivi tag: ing form

There’s a starman waiting in the sky

 starmanUn ulteriore uso interessante del gerundio in inglese.

Una delle cose più belle di scrivere un blog invece di un libro di grammatica è che mi trovo libero di parlare di qualsiasi aspetto della lingua inglese in qualsiasi momento senza essere legato necessariamente a date di pubblicazione o a fornire tutte quelle regole canoniche che sono la norma quando si tratta della carta stampata. Posso, dunque, prendere spunto liberamente dalla scomparsa di un idolo della mia gioventù per parlare di un ulteriore utilizzo interessante del gerundio in inglese. Non si tratta di una regola di per sé, forse l’articolo non sarà neanche esauriente, ma credo che sia comunque interessante e potrebbe tornarvi utile ogni tanto.

Prendo spunto, dunque, da una delle battute più conosciute di David Bowie e che dà il titolo a questo articolo: “There’s a starman waiting in the sky”. Come si traduce questa battuta in italiano? Penso così: “C’è un astronauta (uomo delle stelle) che aspetta nel cielo.” In italiano non possiamo tradurre quel gerundio inglese in un gerundio italiano; non funziona. Siamo costretti a creare una proposizione relativa e coniugare il secondo verbo in maniera appropriata. Questo è l’argomento che mi è sembrato interessante. Nel caso specifico potremo anche esprimerci diversamente, in inglese, con un semplicissimo present continuous: “A starman is waiting in the sky”, ma molto spesso preferiamo usare questa formula con there is o there are. Attenzione però: questo uso del gerundio è solo possibile in certi casi e quindi dobbiamo scoprire quali.


There is / there are

  • There’s a big black spider climbing up your leg.
  • C’è un grande ragno nero che sta salendo sulla tua gamba.
  • There are two students smoking in the corridor.
  • Ci sono due studenti che fumano nel corridoio.
  • Was there anybody living in the house when the roof collapsed?
  • C’era qualcuno che abitava nella casa quando è crollato il tetto?

Continua a leggere…

 
9 commenti

Pubblicato da su 22 gennaio 2016 in Appunti grammaticali, syntax, use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , ,

Stop being silly!

being-silly

Quando si usa being in inglese.

Come si sa, il verbo to be è un verbo statico (di stato) e non un verbo dinamico (di azione) e i verbi statici normalmente non vengono utilizzati nella continuous form in inglese. Di conseguenza, non si sente, né si vede spesso il gerundio being. Detto questo, la forma esiste e ha due utilizzi abbastanza importanti. Uno di questi è nella forma passiva ma di questo parleremo in un altro articolo dedicato all’argomento. L’altro, quello che desidero evidenziare qui, è l’uso del verbo to be come un verbo dinamico con il senso (sottinteso) di modo di fare / modo di comportarsi. Usato con questo significato il verbo to be si trova frequentamente nella continuous form con riferimento a qualcosa in corso in un dato momento. La formula tipica in questo caso è il soggetto seguito dal verbo essere e poi un aggettivo con funzione predicativa. Vediamo alcuni esempi particolarmente tipici di questo uso:

  • I think you’re being very silly.
  • Credo che stai facendo lo stupido.
  • I wasn’t being funny at all.
  • Non facevo lo spiritoso affatto.
  • Are you being honest with me?
  • Mi stai dicendo la verità?
  • Tom’s dog was just being friendly.
  • Il cane di Tom cercava solo di fare amicizia.

Continua a leggere…

 
2 commenti

Pubblicato da su 30 novembre 2015 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , ,

Immagine

To think

think


Creative Commons ~ some rights reserved

 
2 commenti

Pubblicato da su 11 novembre 2015 in Piccoli appunti, twitstop, use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , , , , ,

Do you fancy a drink?

Fancy ~ ˈfænsɪ

Verbo regolare {to fancy / fancied / fancied} ~  piacere / volere / avere una cotta per qualcuno

Alcuni dei significati originali della parola fancy si sono più o meno persi nel tempo o comunque non sono particolarmente utile e/o importanti oggi, ma nel British English è ancora molto sfruttato il verbo to fancy.


Esempi:

  • “Do you fancy a drink?”
  • “Vuoi qualcosa da bere?”
  • “I fancy going out for a walk after lunch.”
  • “Mi piacerebbe uscire a fare una passeggiata dopo pranzo.”
  • “I don’t fancy the idea of staying here for a week!”
  • “Non mi piace l’idea di stare qui per una settimana.”
  • “I wouldn’t fancy doing his job very much!”
  • “Non mi piacerebbe molto fare il suo lavoro.”
  • “Jane didn’t fancy waiting in the bar all evening.”
  • “Jane non voleva aspettare al bar tutta la sera.”
  • “I think Bob fancies Jane.”
  • “Secondo me Bob ha una cotta per Jane.”
  • “She said that she fancies you!”
  • “Ha detto che ha una cotta per te.”

Creative Commons ~ some rights reserved

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 13 febbraio 2014 in Lessico, words-in-action

 

Tag: , , , ,

Verbs not normally used in the continuous form

stative-verbs

Verbi che non si usano nella “continuous form”

In inglese, come in italiano, la maggior parte dei verbi indicano qualche genere di azione che viene compiuta. Si potrebbero chiamare verbi dinamici. Ma non tutti i verbi sono così. Ci sono numerosi verbi invece che non si riferiscono al compimento di un ‘azione ma piuttosto ad una specie di stato esistenziale. Questi verbi si potrebbero chiamare verbi statici. Ma a prescindere dalle etichette che usiamo o meno, un fatto rimane: in inglese normalmente non vengono utilizzati nella continuous form e bisogna sapere quali sono perchè con questi verbi tutte le regole che normalmente applichiamo per decidere se utilizzare la simple form oppure la continuous form decadono!

Ecco allora un elenco abbastanza completo (ma sicuramente non esauriente) di questi verbi:


► Verbi di percezione involontaria:

to see (vedere), to hear (udire), to feel (sentire), to smell (odorare/sentire odore), to taste (degustare/assaggiare)

  • They (can) see the castle from their hotel window.
  • Riescono a vedere il castello dalla finestra dell’albergo.
  • I (can) hear a strange noise in the garage.
  • Sento uno strano rumore nel garage.
  • Bob’s jacket feels very warm.
  • La giacca di Bob è molot caldo.
  • That cake smells delicious!
  • Quella torta fa un profumo squisito.
  • The cheese is great but the wine tastes horrible.
  • Il formaggio è ottimo ma il vino ha un brutto sapore.

N.B.
To see nel senso di incontrare si presta alla continuous form:

  • I am seeing Bob tomorrow afternoon.
  • Mi vedrò con Bob domani pomeriggio.

To feel nel senso di sentirsi si presta alla continuous form :

  • How are you feeling today? (ma anche: How do you feel today?)
  • Come ti senti oggi?

Tutti i verbi di percezione involontaria si utilizzano molto spesso in congiunzione all’ausiliare can:

  • I can hear you but I can’t see you!
  • Ti sento ma non ti vedo!
  • Can you smell garlic?
  • Senti aglio?
  • I can’t taste the cinnamon in this dessert.
  • Non sento la cannella in questo dessert.

Continua a leggere…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 novembre 2013 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , ,

Stop to think but don’t stop thinking!

stopUn piccolo appunto nello sterminato campo del perenne dilemma:
infinito vs. gerundio

Il verbo to stop in effetti può essere seguito da entrambe le forme ma, a differenza del verbo to start, la scelta tra l’infinito e il gerundio cambia radicalmente il significato della frase.

Possiamo dire che:

to stop + infinito  =  fermarsi per
to stop + gerundio  =  smettere di

  • He stopped to talk to his colleague. = Si fermò per parlare con il suo collega.
  • He stopped talking to his colleague. = Smise di parlare con il suo collega.
  • Why don’t you stop to have a drink? = Perché non ti fermi per bere qualcosa?
  • Why don’t you stop drinking? = Perché non smetti di bere?
  • Perhaps you should stop to think about it. = Forse dovresti fermarti a pensarci.
  • Perhaps you should stop thinking about it. = Forse dovresti smettere di pensarci.

Come si vede dagli esempi sopra, la differenza di significato è netta.


Creative Commons ~ some rights reserved

 
5 commenti

Pubblicato da su 18 febbraio 2012 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , ,

Enjoy!

enjoy-life-now

Spesso si sceglie di utilizzare il verbo inglese to enjoy come una valida alternativa al verbo to like per rendere l’idea del piacere o del divertimento.

La scelta va benissimo ma bisogna stare attento a come si utilizza il verbo to enjoy che ha delle caratteristiche ben diverse dagli equivalenti piacere e divertirsi in italiano.

Anzitutto, il verbo to enjoy è un verbo transitivo (funge più come il verbo amare o apprezzare) il che significa che ha sempre bisogna di qualche forma di complemento oggetto.

In effetti il titolo di questo appunto: “Enjoy!” è un utilizzo scorretto del verbo che è entrato in uso quotidiano grazie (immagino) alla pubblicità della CocaCola di qualche anno fa.

Normalmente il verbo to enjoy deve essere completato o da un complemento oggetto (sostantivo, nome o pronome), o da un pronome riflessivo (myself, yourself ecc), o da un gerundio (……ing) nel caso di un verbo.

Vediamo prima qualche esempio dell’errore più comune:

  • “Era bello il film?”
  • “Si, mi è piaciuto molto.”

Tipicamente si traduce questo mini dialogo così:

  • “Was the film good?” (non dire mai: “Was good the film?”)
  • “Yes, I enjoyed very much.”

Continua a leggere…

 
6 commenti

Pubblicato da su 27 ottobre 2011 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , ,

Do you like “to like”?

Like

Un verbo usatissimo che a volte crea qualche problema è il verbo to like. Questo problema nasce fondamentalmente nella traduzione in quanto si traduce con il verbo italiano piacere che fa un ottimo lavoro come traduzione ma non rispecchia le caratteristiche grammaticali del verbo to like in inglese. Il verbo italiano piacere è intransitivo e ha la caratteristica che la cosa che piace è il soggetto della frase e la persone a cui piace è il complemento. Il verbo inglese to like invece è transitivo e ha come soggetto la persona a cui piace la cosa e come complemento la cosa che piace: esattamente l’opposto!

  • Mi piace il cioccolato. ~ I like chocolate.
  • Non gli piacciono le scarpe nuove di Anne. ~ He doesn’t like Anne’s new shoes.

È ancora più problematico quando si tratta di solo pronomi:

  • Ti piaccio? ~ Do you like me?
  • Lui le piace? ~ Does she like him?

Cerchiamo di evitare il problema con questo trucco:

Tradurre con piacere ma costruire come amare:

  • Mi piace il cioccolato. ➙ Io amo il cioccolato. ➙ I like chocolate.
  • Non gli piacciono le scarpe nuove di Anne. ➙ Lui non ama le scarpe nuove di Anne. ➙ He doesn’t like Anne’s new shoes.
  • Ti piaccio ➙ Tu ami me? ➙ Do you like me?
  • Lui le piace ➙ Lei ama lui? ➙ Does she like him?

Continua a leggere…

 
11 commenti

Pubblicato da su 23 ottobre 2011 in use of verbs, Verbi

 

Tag: , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: