Bar talk

Puoi trovare altre vignette
divertenti e didattiche

To – In – Into

Puoi trovare altri utili appunti

Multiple Choice: Exercise 8

INTERMEDIATE

  1. Scegli la versione che ritieni corretta e cliccala.
  2. Clicca su VOTE.
  3. Controlla la tua risposta nei commenti.
  4. Chiedi spiegazioni se resta qualche dubbio.


Into the woods…

 Prepositions: in vs. into

A volte mi viene chiesto qual’è la differenza tra la preposizione in e la preposizione into. Forse noi di madrelingua diamo un po’ per scontato questa differenza e quindi cercherò qui di colmare questa eventuale lacuna.

La preposizione into, come si può facilmente evincere, è una preposizione composta di in e to: due preposizioni con ruoli ben diversi quando vengono usate singolarmente.

  • in (statico) ~ in, a (dentro, all interno di)
  • to (dinamico) ~ a (verso, nella direzione di)

In indica la posizione di qualcuno o qualcosa dentro / all’interno di un’area circoscritta:

  • The children are in the garden.
  • I ragazzi sono nel giardino.
  • The cutlery is in the top drawer.
  • Le posate sono nella prima casetta.
  • Bob lives in Exeter.
  • Bob abita a Exeter.
Continua a leggere…

This knife is for cutting bread

“Funzione e finalità”
for + gerundio vs. to + infinito

Un’indagine accurata sia online che tra i miei libri, insieme ad una riflessione personale, mi hanno portato alla conclusione che questo è uno di quegli argomenti che difficilmente si spiega con una bella regola semplice e lineare. Quindi cercherò semplicemente di offrire delle guidelines che riescono (spero) ad orientare lo studente attraverso la consapevolezza del problema, lasciando sempre aperta la possibilità di qualche errore (inevitabile) lungo la strada.

Dobbiamo tenere presente due fattori fondamentali:

  1. se parliamo in modo generico della funzione di qualcosa o se parliamo del suo utilizzo in modo più pratico e relativo al tempo;
  2. se l’oggetto in questione è il soggetto della frase o se la persona che lo utilizza è il soggetto.

Quando si parla in modo generico della funzione di qualcosa, soprattutto quando si usa l’oggetto in questione come soggetto della frase, la costruzione più tipica è senz’altro for + gerundio. Vediamo qualche esempio:

  • This knife is for cutting bread.
  • Questo coltello è per tagliare il pane.
  • A barometer is for measuring atmospheric pressure.
  • Un barometro è per misurare la pressione atmosferica.
  • This large container is for collecting rainwater.
  • Questo grande contenitore è per raccogliere l’acqua piovana.

Se restiamo nel generico ma spostiamo l’enfasi leggermente dalla funzione generica verso il pratico utilizzo, inserendo la formula passiva is used, troviamo che possono funzionare sia for + gerundio che to + infinito. È forse ovvio dirlo ma la prima forma darà un suono più generico alla frase e la seconda darà un suono più pratico. La differenza, in ogni caso, è trascurabile:

  • These buckets are used for feeding the chickens.
  • These buckets are used to feed the chickens.
  • Si usano questi secchi per dare da mangiare alle galline.
  • These smaller tiles are generally used for decorating bathroom walls.
  • These smaller tiles are generally used to decorate bathroom walls.
  • Di solito si usano queste matonelle più piccole per decorare le pareti di un bagno.
  • This large room at the back of the house is used for entertaining guests.
  • This large room at the back of the house is used to entertain guests.
  • Si usa questa grande stanza al retro della casa per intrattenere gli ospiti.

Adesso proviamo a mettere l’enfasi sulla persona che utilizza l’oggetto invece di metterla sull’oggetto stesso. Inserendo una persona come soggetto della frase, vedremo che adesso la formula con for + gerundio non funziona più e che l’unica formula che funziona bene è quella di to + infinito:

  • I always use my breadknife to cut watermelons.
  • Uso sempre il coltello da pane per tagliare le angurie.
  • My son generally uses the guestroom to study.
  • Generalmente mio figlio usa la stanza degli ospiti per studiare.
  • Bob sometimes uses his father’s old fountain pen to write his invitation cards.
  • A volte Bob usa la sua vecchia penna stilografica per scrivere i suoi biglietti d’invito.

La formula con to + infinito è anche l’unica opzione quando il soggetto della frase compie, ha compiuto, o compierà un’azione con una finalità ben precisa e specificata:

  • They went to the gym to play volleyball.
  • Sono andati in palestra per giocare a pallavolo.
  • We bought some green paint to repaint the front door.
  • Abbiamo comprato della vernice verde per ridipingere la porta d’ingresso.
  • Tom came to my house to give me the tickets.
  • Bob è venuto a casa mia per darmi i biglietti.
  • I’m going to write to Tom to find out what he thinks about it.
  • Scriverò a Bob per sapere (to find out = scoprire/sapere) cosa ne pensa lui.
  • She usually waits here to see who is on duty.
  • Di solito lei aspetta qui per vedere chi è di turno.
  • John always sits at the front to hear the speaker more clearly.
  • John si siede sempre davanti per sentire in modo più chiaro lo speaker.

To invite

Puoi trovare altri utili appunti

Back to basics

Uno dei problemi di base che affligono il povero studente della lingua inglese è l’uso delle preposizioni e, in particolare, della preposizione to. Questo problema nasce in gran parte dalla solita interferenza della madrelingua italiana. Ma prima di vedere esattamente in che modo la lingua italiana fa questo scherzetto, ripassiamo brevemente il ruolo delle preposizioni nella grammatica in generale a prescindere dalla specifica lingua. (Puoi scorrere velocemente questa premessa se ti sembrano delle cose troppo ovvie!)

Senza complicarci la vita più del necessario con astrusi termini lingusitici, possiamo dire che una preposizione è semplicemente una parola che stabilisce un rapporto tra un sostantivo o un pronome e qualche altra parola o elemento nel resto della frase. Il tipo di rapporto stabilito dipende dal tipo di preposizione adoperato: di solito si tratta di posizione, tempo o direzione. Volendo si può immaginare una preposizione come una specie di legame tra due elementi.

Continua a leggere…

Home, here, there

Puoi trovare altri utili appunti

%d bloggers like this: