RSS

Archivi tag: adjectives

Just another blog post

just-me

Just ~ l’aggettivo / Just ~ l’avverbio

Hai mai notato con quale frequenza la parola just si fa sentire nell’inglese parlato? In effetti è una parola con diversi significati e tanti usi idiomatici i quali tendono a complicare un po’ l’apprendimento. Tuttavia una guida semplice si può stilare, illustrando i significati principali e limitando gli usi idiomatici a quelli più comuni e utili. Vediamo nel dettaglio.


Just ~ l’aggettivo

Comincio con l’aggettivo just perché è semplice e non molto usato nella lingua parlata quotidiana:

  • just = giusto, onesto, imparziale, corretto, leggittimo

Come si vede, le sfumature di significato sono diverse anche se il campo è, effettivamente, uno solo.

Vediamo degli esempi pratici:

  • The locals are fighting for a just cause.
  • La gente del posto sta lottando per una giusta causa.
  • The mayor at that time was a just man.
  • Il sindaco in quel periodo era un uomo onesto.
  • I think it was a just decision.
  • Credo che è stata una decisione imparziale.
  • The manager always used just measures with his workers.
  • Il dirigente usava sempre delle misure corrette con i suoi dipendenti.
  • She has a just reason to ask for a refund.
  • Ha un motivo leggittimo per chiedere un rimborso.

Continua a leggere…

 
8 commenti

Pubblicato da su 18 febbraio 2016 in Appunti grammaticali, Lessico, syntax, words-in-action

 

Tag: , , , ,

Multiple Choice: Exercise 3

INTERMEDIATE

  1. Scegli la versione che ritieni corretta e cliccala.
  2. Clicca su VOTE.
  3. Controlla la tua risposta nei commenti.
  4. Chiedi spiegazioni se resta qualche dubbio.

Creative Commons ~ some rights reserved

 
7 commenti

Pubblicato da su 25 marzo 2014 in multiple choice, Palestra

 

Tag: , ,

Multiple Choice: Exercise 2

ELEMENTARY

  1. Scegli la versione che ritieni corretta e cliccala.
  2. Clicca su VOTE.
  3. Controlla la tua risposta nei commenti.
  4. Chiedi spiegazioni se resta qualche dubbio.

Creative Commons ~ some rights reserved

 
7 commenti

Pubblicato da su 1 marzo 2014 in multiple choice, Palestra

 

Tag: , ,

An interesting, new, grammar lesson

order-of-adjectives

Prima o poi, imparando una nuova lingua, viene il desiderio e/o l’esigenza di potersi esprimere in modo più interessante. È il momento di fare una scorpacciata di aggettivi di ogni forma, colore, misura e gusto. Però, una volta messo a memoria un buon numero di aggettivi utili, nasce un nuovo problema: gli aggettivi in inglese devono seguire un ordine preciso o si possono mettere in fila in modo casuale?

Bene, come accade sempre nelle lingue, la regola nasce dall’uso e l’uso nasce spontaneamente tra la gente. Questo significa che la regola è più che altro una consuetudine consolidata nel tempo, sempre soggetta in parte ad interpretazione, cambiamenti e varianti. Detto questo, serve comunque un punto di riferimento da dove partire e questo lo possiamo stabilire qui.

Intanto bisogna dire che è molto raro in inglese utilizzare più di tre aggettivi insieme ed è più comune usarne solo uno o due. Questo riduce la difficoltà della questione notevolmente!

N.B. Di solito gli aggettivi vengono separati con la virgola, tranne l’ultimo.


In genere l’ordine da seguire è questo:

1) GIUDIZIO ~ valutazione soggettiva

2) APPARENZA ~ descrizione oggettiva

  • Misura
  • Condizione
  • Età
  • Forma
  • Colore

3) PROVENIENZA ~ nazionalità del paese di origine

4) MATERIALE ~ materiale di produzione

5) UTILIZZO ~ destinazione d’utilizzo predefinito

L’ordine delle 5 categorie principali è abbastanza fisso.
Quello che può variare in parte è l’ordine degli aggettivi all’interno della seconda categoria, quella dell’apparenza, e in particolare l’ordine dei tre aggettivi centrali: condizione, età e forma. Probabilmente è il suono complessivo della frase che detta l’ordine finale e in ogni caso si tratta sempre di una variante all’interno di una categoria e non tra le categorie stesse.


Continua a leggere…

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 31 gennaio 2014 in adjectives, Appunti grammaticali

 

Tag: , , ,

How old are you? (e compagnia bella)

never-too-old

How old are you?” è sicuramente una delle domande più conosciute in inglese anche per chi l’ha studiato poco o niente, quindi non ha bisogna di grandi presentazioni. Però ci da lo spunto per alcune considerazioni utili e importanti. La prima di queste è abbastanza elementare ma la ripassiamo per chi è ancora agli esordi con la lingua inglese.

Essa consiste nella formulazione della risposta alla domanda “How old are you?” perché, come avviene spesso, l’influenza della madrelingua italiana ci porta facilmente a sbagliare. Innanzitutto, bisogna fissare bene in mente il fatto che l’età in inglese si esprime con il verbo essere (to be) e non con il verbo avere (to have) come avviene in italiano. Facile, no? Ma attenzione che si dimentica anche facilmente. In effetti con la domanda, “How old are you?” non chiediamo “Quanti anni hai?” ma “Quanto vecchio sei?” Ecco perché si usa il verbo essere. Quindi anche la risposta utilizzerà il verbo essere in quanto la nostra risposta dovrebbe prendere la forma di “Sono 23 anni vecchio” ovvero “I am 23 years old.”

In inglese molto spesso questa risposta viene accorciata a “I am 23” perché il significato del numero 23 in questo contesto è piuttosto evidente e le parole “years old” possono rimanere di conseguenza sottintese.

Invece l’errore che si fa spessissimo è quello di rispondere “I’m 23 years” oppure, peggio, “I have 23 years.” Entrambi questi errori sono causate dall’influenza della madrelingua dove si usa il verbo avere per esprimere l’età e dove la parola anni viene espresso nella risposta “Ho 23 anni” ma non la parola vecchio. In inglese, come già detto, si usa il verbo essere e,  poiché le parole “years old” sono inseparabili, o si mettono tutte e due o si tolgono tutte e due, lasciando solamente il numero.

Bene. Passiamo alle altre, più interessanti, considerazioni.
Continua a leggere…

 
10 commenti

Pubblicato da su 15 dicembre 2011 in adjectives, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , , , ,

Don’t say “shoes shop” in English

shoe-shop

L’idea è buona ma l’esecuzione è sbagliata.

Il trucco utilizzato consiste nel prendere un sostantivo e farlo diventare aggettivo piazzandolo davanti ad un altro sostantivo e cioè nella posizione tipica del aggettivo in inglese. Facendo così riusciamo a rendere più sintetiche espressioni come “un biglietto per l’autobus”, “la finestra della cucina”, “le chiave della macchina”, “un bicchiere da vino”, “un libro di storia”, e così via…

Un biglietto per l’autobus ~ a bus ticket
La finestra della cucina ~ the kitchen window
Le chiavi della macchina ~ the car keys
Un bicchiere da vino ~ a wine glass
Un libro di storia ~ a history book

Questo trucco esiste da tanti anni e molto parole si sono unite nel tempo:

Suitcase ~ (suit case) ~ “cassa per i vestiti” (valigia)
Teacup ~ (tea cup) ~ “tazza per il tè” (tazza da tè)
Earring ~ (ear ring) ~ “annello per l’orecchio” (orecchino)
Necklace ~ (neck lace) ~ “laccio per il collo” (collana)
Continua a leggere…

 
6 commenti

Pubblicato da su 8 dicembre 2011 in adjectives, syntax

 

Tag: , , ,

Ingliando is absolutely fabulous!

absolutely_fabulous

very / really / incredibly / absolutely

Nella conversazione quotidiana abbiamo spesso la necessità o semplicemente il desiderio di esprimere in modo molto sentito il nostro parere riguardo ad una questione, e spesso questa capacità manca quando dobbiamo usare una lingua che non è la nostra. Vediamo allora come si fa in inglese per rendere più espressivo, più drammatico, più sentito, più colorito il proprio parere personale.

Partiamo da un osservazione importante: la lingua inglese non possiede il superlativo assoluto.

Non possiamo dire: “Questa casa è vecchissima!”

Non confondiamoci con il superlativo relativo: “the oldest”. Possiamo dire: “Questa casa è la più vecchia della strada” (this house is the oldest in the street) ma non è quello che vogliamo dire quando diciamo: “Questa casa è vecchissima!”

L’equivalente della parola “vecchissima” in inglese, teoricamente, sarebbe “very old”. Ma in realtà anche se ci da l’idea che la casa è davvero vecchia, “very old” non ha per niente la stessa carica espressiva di “vecchissima”.


E allora che si fa?

Vediamo di stabilire una scala crescente partendo da “very” e arrivando ad un’espressione che è effettivemente paragonabile come espressività al superlativo assoluto italiano:


LEVEL 1a

  • This house is very old.
  • This house is really old.

LEVEL 1b

  • This house is very very old.
  • This house is really really old
  • This house is really very old. (non si possono invertire “really” e “very”)

LEVEL 1c

  • This house is extremely old
  • This house is incredibly old.
  • This house is unbelievably old.

Con l’inserimento di “extremely” o di “incredibly” o di “unbelievably” siamo arrivati fin dove possiamo con l’aggettivo “old”. Bisogna dire che la frase è già molto espressiva (più si accentua l’avverbio, più diventa espressiva la frase.)
Continua a leggere…

 
16 commenti

Pubblicato da su 7 ottobre 2011 in adjectives, Appunti grammaticali, syntax

 

Tag: , , , , , , ,

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: